PD Vibo, Russo interroga la maggioranza sulla gestione rifiuti

Il PD chiede un Consiglio comunale ad hoc e all’ordine del giorno intende trattare anche l’angustiante questione della gestione dei rifiuti.


Risulta infatti una “non puntuale raccolta porta a porta dei rifiuti” nel centro cittadino di Vibo Valentia, che comincia a interessare persino le frazioni riciclabili. Se in un primo momento poteva avvalorarsi l’alibi della criticità degli impianti per lo smaltimento dell’indifferenziato, ora le problematiche paiono interessare ogni tipo di conferimento e la calura estiva non aiuta nella gestione e nel monitoraggio di un servizio che comincia a mostrare debolezze gestionali. “La ditta che si occupa della raccolta differenziata ha anche l’obbligo di monitorare e intervenire qualora si verifichino abbandoni indiscriminati di rifiuti” – commenta l’ex assessore all’ambiente Giuseppe Russo, oggi consigliere di opposizione nell’Amministrazione Limardo – si installino telecamere nei punti critici della citta e si ripuliscano quei siti presi di mira dall’inciviltà dei cittadini. Inoltre la ditta provveda al lavaggio di strade e piazze e relativa disinfestazione, così come previsto dal capitolato speciale d’appalto”. Russo specifica, inoltre, la “mancanza di attenzione” nelle zone ove avviene il trasbordo dei rifiuti sui mezzi per il conferimento, già portato all’attenzione da tutto il gruppo consiliare PD in sostegno degli abitanti della zona. “È nostro diritto, da cittadini prima che da consiglieri, conoscere le percentuali di raccolta differenziata raggiunta dal comune vibonese – continua Russo – poiché al di sotto del 40% l’azienda responsabile non ha più il diritto di recepire i ricavi della rivendita del materiale presso i consorzi di filiera, mentre sotto al 65% il Comune, che beneficia di finanziamenti erogati dalla Regione Calabria per la realizzazione di centri di raccolta comunali, si troverebbe a dover restituire la somma”.

Contenuti correlati