Passi di legalità nella cittadella scolastica di San Nicola, Giovanni Impastato presenta il libro: “Mio fratello – Tutta una vita con Peppino”

Singolare e densa di emozioni la manifestazione che si svolta venerdì scorso nella palestra della scuola primaria e secondaria di San Nicola da Crissa, plesso ricadente nell’Istituto comprensivo di Vallelonga, guidato dalla dirigente Eleonora Rombolà. L’evento è stato promosso dal primo cittadino Giuseppe Condello che, nel corso degli anni, ha dedicato grande attenzione alla cultura della pace e della legalità. All’iniziativa erano presenti la dirigente scolastico Eleonora Rombolà, il docente Unical Vito Teti, il dottor Raffaele Pileggi, la responsabile di plesso Caterina Valente. Protagonisti assoluti gli allievi della classe quinta della scuola primaria ed i discenti delle classi terze della scuola secondaria di primo grado di Monterosso Calabro, Capistrano, San Nicola da Crissa e Spadola.

Moderatore del convegno è stato il dottor Raffaele Pileggi. Dopo i saluti istituzionali del primo cittadino, del capo d’Istituto, dell’illustre antropologo Vito Teti e della docente Caterina Valente, Giovanni Impastato ha dialogato con la comunità educante e con la voce rotta dall’emozione ha presentato la breve ma intensa vita di Peppino Impastato, giornalista, conduttore radiofonico e attivista italiano, membro di Democrazia Proletaria e noto per le sue denunce contro le attività di Cosa nostra, a seguito delle quali fu assassinato il 9 maggio 1978. Il giovane pubblico – attento, curioso e preparato – è stato letteralmente colpito dai racconti inediti di Giovanni, dal suo immenso dolore, dalla sua sconfinata saggezza ed umanità, dalla figura della madre Felicia, una donna umile e carismatica che ha lottato fino all’ultimo respiro in nome della giustizia e della verità. I ragazzi hanno tempestato l’autore di domande, dimostrando una grande sensibilità e preparazione che va oltre i saperi scolastici ed hanno assistito ad una lezione unica ed irripetibile, intrisa di altissimi valori che li accompagneranno per tutta la vita. A conclusione dei lavori gli allievi della scuola secondaria di San Nicola da Crissa hanno fatto autografare a Giovanni Impastato un Murales ecologico, da loro realizzato con i tappi delle bottiglie di plastica, nel pieno rispetto della natura a tutela e difesa dell’ecosistema, che ritrae il volto del fratello. Soddisfatta la dirigente Rombolà per la bellissima iniziativa e per il ruolo della scuola come sede e presidio di legalità.

Contenuti correlati