Parco delle Serre, presentato il progetto di educazione ambientale rivolto alle scuole del territorio

Il Parco delle Serre punta sull’educazione ambientale e guarda ai giovani ed al mondo della scuola con l’intento di “favorire la conoscenza del proprio territorio attraverso nuovi strumenti di analisi della realtà in un confronto diretto con le esperienze locali”. Su queste premesse è nato il progetto “Educando all’Ambiente”, che l’Ente di tutela ambientale rivolge agli studenti del territorio di ogni ordine e grado.

Il progetto è stato presentato ufficialmente dal commissario del Parco, Alfonso Grillo, nel corso di una conferenza stampa tenutasi nelle sale Cev di Palazzo Gagliardi a Vibo Valentia, presenti anche alcuni dirigenti, o loro rappresentanti, delle scuole che hanno aderito e che in questa settimana hanno avviato i primi incontri-lezioni con i ragazzi.

È stato evidenziato come uno degli obiettivi del progetto sia quello di attivare nuove forme di comunicazione finalizzata alla valorizzazione ed alla cura del patrimonio naturale.

“L’impianto metodologico-operativo proposto – ha spiegato Grillo – comporta la presenza di una più attenta e ricca interazione degli allievi sia tra di loro che con i loro docenti e nello stesso tempo, all’interno del corpo docente che deve interagire con esperti esterni, coinvolti quali risorse nel progetto, nonché con i rappresentati delle Istituzioni ma anche dell’associazioni presenti sul territorio, ai vari livelli”.

“Educando all’ambiente” è un progetto attraverso il quale il Parco delle Serre si presenta ai giovani nelle scuole in attuazione al piano di azione “Natura 2000” con il contributo della Regione Calabria attraverso il POR 2014/2020: “Il Parco Regionale – ha aggiunto Grillo – entra così nelle scuole dopo lo stop dovuto al Covid con le prospettiva di far conoscere ai nostri giovani l’ambiente a loro più vicino. Una conoscenza che non sia solo legata al pregevole patrimonio naturalistico, ma che vada oltre abbracciando anche gli aspetti storici, culturali, legati alla tradizione”.

Particolarmente soddisfatto si è quindi dichiarato il commissario del Parco: “I numeri dicono che malgrado sia solo l’inizio sono state tante e importanti le adesioni superando le nostre più ottimistiche previsioni. Infatti, quest’anno, malgrado la partenza ad anno scolastico già ampiamente avviato. E, malgrado quest’anno siamo stati costretti, per motivi di tempo, a limitarci alle sole scuole della provincia di Vibo Valentia i numeri ci confortano perché raccontano di 15 istituti scolastici e circa 780 gli studenti coinvolti. Proprio per questo pensiamo, anzi crediamo – ha concluso – che negli anni successivi ci si possa allargare anche alle altre province ovviamente partendo con l’inizio dell’anno scolastico, ovvero sin da settembre”.

Contenuti correlati