Ospedale “San Bruno”, Procopio contro il sindaco: “Abbandoni l’immobilismo e si batta per la comunità”

“Purtroppo, i fatti si sono incaricati di dimostrare quello che avevo affermato qualche mese addietro e cioè che, anziché agire con prontezza ed intraprendere tutte le iniziative necessarie, il sindaco Alfredo Barillari e la sua maggioranza si sono abbandonati ad un inconcludente immobilismo. È un atteggiamento che la comunità non merita e che deve cambiare alla svelta”.

Il consigliere del Pd Antonio Procopio ribadisce il concetto già espresso nel mese di dicembre ed appesantisce ulteriormente le considerazioni nei confronti dell’Amministrazione comunale.

“Il DCA 69/2024 – sostiene Procopio – ha inflitto nuovi colpi alla speranze della comunità delle Serre di avere un ospedale pienamente funzionante e ha segnato una disparità di trattamento fra territori. Di fronte a questo scenario, molti rappresentanti politici e istituzionali, anche di centrodestra, hanno preso posizione rifiutando decisioni penalizzanti che vanno nella direzione del definitivo depotenziamento del nostro ospedale. Colpevole assente in questo coro è stato il sindaco di Serra San Bruno, che è rimasto impassibile trincerandosi dietro un basso profilo di cui non si avverte certo il bisogno”.

Secondo il consigliere di minoranza, “anche nella riunione tra alcuni sindaci del comprensorio ed il commissario dell’Asp di Vibo Valentia, Antonio Battistini, non è stato concluso nulla di significativo e non si è andati al cuore del problema”.

Il giudizio di Procopio è pertanto negativo: “il sindaco non può continuare a far finta che i problemi non esistono e che tutto va bene, dimenticandosi che era proprio lui, negli anni passati, a sventolare la bandiera dell’allarme. Si desti, dunque, e si batta senza se e senza ma per la difesa del diritto alla salute”.

Contenuti correlati