Ospedale “San Bruno”, Angilletta rafforza il fronte dei sindaci: “Urgente assicurare una seria risposta all’emergenza/urgenza del territorio”

“Promesse, rassicurazioni o impegni troppe volte disattese ci portano oggi a dubitare ed a non fidarci di ogni iniziativa. Abbiamo l’assoluta necessità di vedere, di toccare con mano risultati che diano soluzioni alle problematiche ormai croniche che attanagliano il nostro territorio”.

La considerazione è del sindaco di Mongiana Francesco Angilletta, secondo il quale “la situazione sanitaria assume da tempo caratteri drammatici che la pandemia ha ulteriormente evidenziato”. 

Il primo cittadino condivide “totalmente tutte le perplessità espresse dai colleghi” anche alla luce delle “esperienze negative riprese dai notiziari”.

Angilletta rileva che “in un sistema che considera la salute della persona un semplice fattore economico e che viene quindi guidato da un’impostazione aziendale, la speranza che qualcosa possa cambiare in meglio è minima” specificando che “la visione per il futuro non può essere quella di concentrarsi sull’economicità, ma bisogna rimettere al centro le persone e i loro diritti”. 

Ciò perché “i livelli essenziali di assistenza non si possono basare su calcoli probabilistici di emergenze eventuali, ma devono essere garantite a tutti a prescindere”. I fatti, “il diritto alla salute non è una gentile concessione, ma lo sancisce la Costituzione”.

Ad avviso di Angilletta, il confronto con gli altri sindaci che fanno riferimento all’ospedale “San Bruno” ha prodotto delle “iniziative utili a rappresentare le istanze dei territori ai diversi livelli istituzionali” ed “è qui che l’unitarietà di intenti e di impegni, senza distinzione di colori politici, risulta fondamentale e può portare, come ricordava il sindaco di Serra San Bruno Alfredo Barillari, a ‘piccoli passi avanti rispetto alle esigenze del territorio’, riferito all’aumento dei posti letto in Medicina interna del “San Bruno”. 

Questo risultato, però, “non può cambiare la posizione critica e lo spirito battagliero” dei rappresentanti del territorio”, poiché “altrimenti rischierebbe di apparire come un velo costruito per nascondere le infinite inadeguatezze del sistema di assistenza sanitaria delle aree interne”.

Angilletta condivide il pensiero del sindaco di Brognaturo Rossana Tassone nel ritenere “urgente assicurare una seria risposta all’emergenza/urgenza del territorio” e chiarisce che “la proposta del posizionamento di una ulteriore ambulanza a Mongiana nasce dalla sua posizione baricentrica rispetto ad un territorio che comprende Fabrizia, Nardodipace e la stessa Serra San Bruno, e che consentirebbe tempi di intervento più rapidi”.

Infine, conferma “piena disponibilità al sindaco di Nardodipace per rivendicare ad ogni livello i diritti eternamente negati alle nostre popolazioni, e di affrontare questi problemi eccezionali con provvedimenti eccezionali” ribadendo che “è assoluta la convinzione che i percorsi devono essere affrontati insieme e senza divisioni”.

Contenuti correlati