Ospedale di Serra, “Cartusia” scende in campo: “Non subiremo passivamente”

L’Associazione operatori economici “Cartusia” si unisce alla “protesta porta avanti da tutti i cittadini del comprensorio delle Serre contro gli ultimi provvedimenti messi in atto dalla dirigenza dell’Asp di Vibo Valentina, che hanno avuto come effetto immediato un ulteriore impoverimento del nostro territorio”.

L’associazione scende in campo e sostiene che “allo smantellamento del Pronto Soccorso dell’ospedale ‘San Bruno’, in un momento di particolare emergenza sanitaria, non possiamo assistere passivamente” avendo “a cuore il destino della nostra comunità, che si tutela anche attraverso la presenza di una struttura sanitaria efficiente, che possa garantire un primo immediato intervento in caso di estrema urgenza, vista la particolare condizioni delle vie di comunicazione verso i principali ospedali regionali”. “Sin dai primi giorni dell’emergenza sanitaria – affermano i componenti di ‘Cartusia’ – ci siamo adoperati, attivando una raccolta fondi finalizzata all’acquisto di strumenti di protezione individuale da regalare al personale sanitario del nostro nosocomio. Quest’ultimo provvedimento scellerato ci coglie di sorpresa e ci spegne ogni entusiasmo, ma non per questo ci rassegneremo, anzi ci attiveremo per portare avanti la nostra protesta a tutti i livelli”.

Contenuti correlati