Operazione “Libera Fortezza”: catturate 22 persone presunte affiliate o vicine alla ‘ndrangheta

Sequestrati beni per un valore superiore a 5 milioni di euro

Dalle prime ore di questa mattina, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, con il supporto dei Reparti territorialmente competenti, dello Squadrone Carabinieri Eliportato “Cacciatori “e dell’8° Nucleo Elicotteri di Vibo Valentia, in collaborazione con i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, diretta dal Procuratore Capo Giovanni Bombardieri, hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione di misure cautelari ed al decreto di sequestro preventivo” emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Reggio Calabria Caterina Catalano, su richiesta del Procuratore Aggiunto Calogero Gaetano Paci e dai Sostituti Procuratori Giulia Pantano e Sabrina Fornaro – con la quale sono stati disposti 22 ordinanze di custodia cautelare ed il sequestro di beni per oltre 5 milioni di euro.

L’attività, alla quale partecipano oltre 300 militari tra Carabinieri e finanzieri, è svolta nei confronti di soggetti sospettati di appartenere appartenenti o di essere contigui alla cosca di ‘ndrangheta Longo-Versace di Polistena responsabili, tra l’altro, dei reati di associazione di tipo mafioso, usura, estorsione, riciclaggio, esercizio attività finanziaria abusiva, detenzione illegali di armi, tutti aggravati dalla finalità e dal metodo mafioso. Ulteriori dettagli saranno resi noti nel corso della conferenza stampa che si terrà alle ore 10,30 di oggi presso il Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria, in Via Aschenez 3.

Contenuti correlati