Operazione “Eumenidi”. Bufera sull’aeroporto di Lamezia: in sei sospesi dalle cariche pubbliche

Sono state appena notificate sei ordinanze di sospensione da altrettante cariche pubbliche, da parte dei finanzieri de Gruppo della Guardia di Finanza di Lamezia Terme e degli agenti della Polizia di frontiera presso il locale aeroporto internazionale. I provvedimenti interdittivi sono stati emanati dal Giudice delle indagini preliminari presso il Tribunale di Lamezia Terme, su richiesta della Procura della Repubblica, che ha coordinato la complessa operazione di Polizia giudiziaria. Più in dettaglio, sono stati sospesi dalle loro rispettive cariche un dipendente dell’Enav, un dipendente della Regione Calabria, un funzionario dell’Amministrazione provinciale di Catanzaro, un responsabile dell’area personale di S.A.C.A.L. s.p.a., un responsabile del Centro per l’impiego di Lamezia Terme e un appartenente alle forze di polizia. La misura è stata ritenuta necessaria in relazione alle accuse mosse nei confronti degli indagati nell’ambito dell’operazione “Eumenidi”, vertente su diversi presunti illeciti penali riscontrati nell’ambito della gestione dell’aeroporto internazionale di Lamezia Terme. Per altri sei soggetti, nei confronti dei quali era stata richiesta analoga misura, il Giudice per le indagini preliminari – pur ritenendo pienamente sussistente la gravità indiziaria di reità e la fondatezza del quadro accusatorio – ha ritenuto assorbenti le presentate dimissioni dal C.d.A. di Sacal e/o dai pubblici uffici.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento