Nicotera, contrasto all’inquinamento delle matrici ambientali: sequestrato un impianto di autolavaggio

Nel corso dei servizi effettuati dai Carabinieri Forestali del Gruppo di Vibo Valentia, finalizzati alla verifica della regolarità degli scarichi delle acque reflue prodotte dalle attività di autolavaggio e del corretto smaltimento dei fanghi di depurazione, militari della Stazione Carabinieri Forestale di Spilinga, in collaborazione ai militari della Stazione Carabinieri di Nicotera, hanno operato il sequestro preventivo di un sito adibito ad autolavaggio, ubicato nel comune di Nicotera.

L’amministratore unico della società di gestione dell’impianto, un 58enne di Nicotera, è stato deferito all’Autorità giudiziaria in violazione al Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152. L’attività dell’impianto di lavaggio auto, per come emerso al termine degli accertamenti, sarebbe stata condotta in assenza della prescritta autorizzazione allo scarico nella pubblica fognatura, poichè risultata scaduta da oltre quattro anni.

Proseguono i controlli dei Carabinieri Forestali rivolti alla tutela delle matrici ambientali, con particolare riferimento a quelle idriche ed ai relativi corpi recettori, che inevitabilmente si riversano in mare con evidente pericolo di nocumento circa la salubrità delle acque adibite alla balneazione.

Contenuti correlati