Nervi tesi nel centrodestra, Tallini: “L’evoluzione della Lega non è convincente”

Sempre esserci una tensione non troppo latente tra la Lega e Forza Italia. Dopo la manifestazione a Reggio Calabria, sostanzialmente disertata dagli esponenti del Carroccio, tornano ad emergere le crepe nel rapporto tra alleati. Non ci sono, infatti, giri di parole che possano nascondere la diffidenza che si respira nello schieramento del centrodestra. 

Nel corso di una manifestazione elettorale svoltasi a Catanzaro, è arrivata la conferma della necessità di specificare i termini del rapporto.

Non troppo diplomatico, al riguardo, è stato il consigliere regionale Mimmo Tallini: “sono tra i pochi – ha affermato – che dice che l’evoluzione della Lega non è convincente. E non mi risulta che abbiano fatto un congresso in cui hanno detto di abiurare le vecchie teorie contro il meridione”. Per poi rincarare la dose: “si chiama Lega Salvini ma si legge Lega Nord. Non mi spaventa se il confronto avviene con rispetto e se c’è la consapevolezza della Lega che se si sviluppa il Mezzogiorno si sviluppa l’intera Italia”.

Sia Tallini che la candidata alla Presidenza Jole Santelli hanno inoltre smentito che sia già stato deciso di affidare la delega all’Agricoltura ad un esponente della Lega, sottolineando che della formazione della Giunta si parlerà successivamente.

Contenuti correlati