‘Ndrangheta, un affiliato è pronto a collaborare con la giustizia

L'uomo è stato immediatamente recluso in un penitenziario ad hoc

Sarebbe appartenente alla cosca Serraino il soggetto che, tratto in arresto nell’ambito di una delle ultime operazioni condotte dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, avrebbe iniziato a collaborare con la giustizia.

E’ emerso stamane a margine delle udienze previste per la giornata odierna dinanzi al Tribunale del Riesame. Bocche cucite da parte dei magistrati sull’identità e sul peso specifico dell’individuo che, qualche giorno fa, ha richiesto un colloquio con i sostituti procuratori ai quali ha rivelato di essere disponibile a fare il salto della barricata. L’uomo è stato immediatamente recluso in un penitenziario ad hoc e, a breve, sarà sottoposto ad un secondo interrogatorio. In quella circostanza sarà possibile, per gli inquirenti, valutare la veridicità e la bontà delle rivelazioni ai fini della lotta contro i clan della ‘ndrangheta calabrese.

Contenuti correlati