Nardodipace, Loielo punta a fermare l’emigrazione e a “sostenere i più deboli”

“Oggi, ancor più che in qualsiasi altro momento della nostra storia, Nardodipace ha bisogno che i propri figli si occupino di lei, che ne curino gli interessi e ne evitino la definitiva estinzione. Già diverse aree del territorio sono completamente spopolate e tale triste destino, se non si porrà un pronto e deciso rimedio, toccherà tra non molto a tutti i centri abitati del Comune”. È l’emigrazione il principale motivo di preoccupazione di Romano Loielo che, però, ha ancora la forza di guardare al futuro, cosciente del fatto che “non è più tempo di ricercare colpe e responsabili; è necessario, invece, rimboccarsi tutti assieme le maniche e difendere, con tutte le nostre forze, la nostra terra, la nostra identità ed il nostro destino”.

Il candidato della lista “Uniti per Nardodipace” si concentra su ciò che bisognerà fare tracciando una ideale linea di continuità con quanto realizzato da quella che fu l’Amministrazione comunale da lui guidata. La squadra di cui è a capo, nelle sue intenzioni, si dedicherà “soprattutto alle fasce più deboli della nostra comunità, a quei cittadini meno fortunati, a coloro che soffrono della mancanza di un reddito stabile e/o di una casa” e l’impegno sarà principalmente profuso per “il miglioramento dei servizi essenziali che l’Ente dovrà garantire per rendere più agevole la convivenza civile nel territorio”.

Nello specifico, il programma è concentrato su alcuni interventi chiave: interventi mirati alla riqualificazione ed alla manutenzione del territorio, mediante il recupero di immobili già esistenti e di aree dismesse; riduzione del rischio idrogeologico; messa in sicurezza ed alla riqualificazione delle infrastrutture stradali e degli edifici pubblici; realizzazione di impianti di produzione e di distribuzione di energia da fonti rinnovabili; sostegno della imprenditoria giovanile per l’avvio di nuove attività turistiche e commerciali volte alla valorizzazione ed alla promozione del territorio e dei suoi prodotti; recupero e riqualificazione urbana dei centri storici, anche ai fini della realizzazione di alberghi diffusi; recupero dei pascoli montani, anche al fine di favorire la produzione di carni e di formaggi di qualità. Al fine di “non rimanere indietro rispetto alle altre realtà limitrofe”, Loielo punta inoltre a “incentivare la diffusione e lo sviluppo della banda larga nel territorio, lo sviluppo ed il potenziamento dei servizi postali e della distribuzione dei giornali, nonché il potenziamento e lo sviluppo dei servizi di trasporto pubblico, con particolare riguardo a quello scolastico”. In caso di vittoria, Loielo ed il suo gruppo presteranno “la massima attenzione anche nei riguardi del contrasto alla povertà, con particolare riferimento all’adesione agli interventi a tale scopo messi in campo dallo Stato e dalla Regione”.

Contenuti correlati