Minaccia l’ex convivente e i poliziotti con la base di un ombrellone: arrestato

Nelle prime ore di oggi personale in servizio presso il Commissariato di P.S. Corigliano-Rossano ha tratto in arresto un cittadino marocchino di 40 anni, per maltrattamenti in famiglia, resistenza, minacce e lesioni a Pubblico Ufficiale.

In particolare, durante la scorsa notte perveniva sull’utenza “113” del Commissariato di P.S. Corigliano-Rossano la richiesta di soccorso da parte di una donna la quale, in lacrime e terrorizzata, ha segnalato che il proprio coniuge, non più convivente, stava cercando di sfondare il portone di ingresso dell’abitazione dei propri genitori presso i quali la stessa attualmente dimora.
Prontamente inviato sul posto, l’equipaggio della Squadra Volante ha notato una persona di sesso maschile, successivamente identificato per l’arrestato, che cercava di forzare il portone d’ingresso con un bastone di metallo, minacciando di uccidere la moglie.
Il predetto, in evidente stato di agitazione, avvedutosi della presenza degli agenti, ha intimato loro di allontanarsi minacciandoli di morte con la base in ferro zincato di un ombrellone, tipico dei venditori ambulanti, scagliandolo poi con violenza contro di loro colpendoli.
Gli agenti sono riusciti a bloccare l’uomo ponendolo in sicurezza ammanettandolo, impedendogli di sfondare la porta e quindi raggiungere l’ex compagna che, affacciatasi dal balcone continuava a chiedere aiuto.
L’uomo è stato accompagnato presso il Commissariato di P.S. Corigliano-Rossano presso i cui Uffici la vittima, dopo aver raccontato di pregressi episodi di violenza perpetrati a suo danno da parte del marito, ha sporto regolare denuncia.
Dell’avvenuto arresto è stato notiziato il Pm di turno presso la Procura della Repubblica di Castrovillari, diretta dal procuratore capo Eugenio Facciolla, che ne ha disposto la traduzione presso quella casa circondariale.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento