Martino contro la “casta”: “Alla Regione c’è chi pensa solo ad aumentarsi il vitalizio”

“Credo che la vicenda di aumento dei vitalizi da parte dei consiglieri regionali abbia del ridicolo. Nella regione più povera d’Europa quantomeno un primato possiamo tradurlo in azione conclusa ovvero l’aumento dei vitalizi dei consiglieri regionali in misura pari all’1,1 %”. Ad affermarlo è il sindaco di Capistrano Marco Martino che specifica di sentirsi “indignato in qualità anche di amministratore, ricoprendo la carica di sindaco, perché mentre i problemi dei calabresi sono ben altri, vi è chi legifera per l’aumento della propria indennità economica”. “A dimostrazione che questo operato è da considerarsi fallimentare – sostiene Martino – vi è chi inneggia ad una seconda candidatura a mio avviso per un preciso scopo ovvero trasformare la nostra regione in territorio da terzo mondo. Da qui si inneggia all’antipolitica, Oliverio e la sua amministrazione stanno consegnando in mano ai movimenti di protesta l’entità territoriale politica. E come potrebbe essere il contrario? Mancano serie programmazioni di valorizzazione del territorio, il corretto funzionamento dei servizi regionali, uno snellimento burocratico, mancano urbanizzazione, occupazione, valorizzazione, manca responsabilità, manca tutto, in questa regione manca tutto. Invece di recidere l’ennesimo colpo alla dignità di povertà che la condizione sociale vive oggigiorno, bisognerebbe guardare alla realizzazione di un progetto che possa dare respiro alla nostra Calabria e non alle tasche della casta”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento