Marcianò (Impegno e Identità) porta a galla i numeri di Castore: “Libro dei sogni, insostenibile sul piano dei servizi e della gestione del personale”

In Commissione Controllo e Garanzia, presieduta dal consigliere Ripepi, si è parlato della società Castore, in presenza di un componente del Consiglio di Amministrazione e del direttore tecnico. “Odio infierire sulle inefficienze della mia città, dei suoi servizi e, soprattutto, su vicende che – lamenta Angela Marcianò – segnano il destino dei lavoratori e delle loro famiglie.
Ho ritenuto di partecipare all’incontro con una copia del ‘Contratto di Servizio per la gestione dei servizi pubblici sottoscritto da Castore SPL s.r.l e Comune di Reggio Calabria’.


Lo scenario, a mio avviso, che è emerso non è degno di essere commentato. Tanti buoni propositi a parole, ma, carte alla mano, sono i numeri a darci delle risposte inequivocabili. Faccio solo degli esempi:
all’art. 15 del contratto troviamo i ‘corrispettivi’ annui dovuti per una serie di servizi . Ebbene, alla voce “Reti stradali “ sono previsti da contratto 1.620.000,00 euro. Su precisa domanda inerente le somme che sono ‘effettivamente’ disponibili ci hanno risposto, che in realtà per il servizio ci sono solo 200 mila euro! Le discrasie sulle altre voci ( cimiteri, pubblica illuminazione, parchi, giardini , scuole ecc.) sono ancora più imbarazzanti.
“Addirittura, taluni servizi rientranti tra le competenze di Castore, come la gestione del tapis roulant, non sono ‘mai’ state – rende noto il consigliere comunale – affidate alla stessa società, che dovrebbe espletarle per contratto. Sul fronte del personale la situazione è ancora più deprimente. Ci sono 157 lavoratori, di cui 63 a termine e 26 con contratto in scadenza a marzo 2023.
Appurati i numeri, ci siamo preoccupati, a questo punto, come consiglieri di minoranza, di capire se è stata prevista qualche garanzia per il mantenimento in servizio di questi dipendenti. La risposta è stata che ad oggi manca un fondo strutturale ordinario che consenta la conversione dei rapporti da tempo determinato a tempo indeterminato. D’altra parte, se non si arriva a garantire la retribuzione a fine mese, pare evidente che non si riesca neppure a prospettare una ‘stabilizzazione’.
Per essere chiari ci troviamo di fronte ad un libro dei sogni, insostenibile sul piano dei servizi e non strutturato sul fronte della gestione del personale”.
Come minoranza (e opposizione costruttiva) – assicura la presidente del Movimento ‘Impegno e Identità’ – vigileremo su ogni singolo provvedimento e proporremo ogni sorta di correttivo utile per garantire la conservazione dei posti di lavoro ed una dignitosa fruizione dei servizi pubblici essenziali”.

Contenuti correlati