Mandare i Bronzi in giro per il mondo? Quartuccio spiega ai due consiglieri regionali perché la loro è un’idea malsana

E' il Mondo a dover venire a far loro visita"

“In qualità di Consigliere delegato alla Cultura della Città Metropolitana non posso omettere di eccepire la posizione assunta dai consiglieri regionali Ciconte e Greco rispetto l’opportunità di procedere ad un tour mondiale dei Bronzi di Riace per un fantomatico beneficio di immagine per la Regione”.

E’ netta la presa di posizione di Filippo Quartuccio che, forte del ruolo ricoperto alla Città Metropolitana, è tra le figure maggiormente deputate a rintuzzare, motivazioni oggettive alla mano, la proposta contenuta nella mozione presentata da Vincenzo Ciconte ed Orlandino Greco. “Di ragioni per opporsi alla suddetta velleità ve n’è di più d’una, molte di queste – rammenta il Consigliere Delegato – sono state spiegate innumerevoli volte in occasioni passate; appare incredibile che torni costantemente il bisogno di rivangarne i contenuti ma, se necessario, provvediamo a farlo.
Accertata e certificata la posizione della Soprintendenza secondo cui i Bronzi sarebbero, per le loro delicatissime condizioni fisiche, intrasportabili, invito i proponenti l’idea dei ‘guerrieri in valigie da lungo viaggio’ a riflettere sulla inopportunità reale di una simile vetusta immaginazione.
I Bronzi di Riace sono da sempre Patrimonio inestimabile dell’umanità e non certo per moti di gelosia si intende trattenerli nella loro consueta dimora, come si vorrebbe scioccamente far credere ogni qualvolta si cerca di spiegare a chicchessia che queste statue debbono rimanere assicurate alla nostra città”.
“Enorme è il profitto – ragiona Quartuccio – che la presenza dei Bronzi di Riace offre al nostro territorio, rappresentando per Reggio, e per la Calabria tutta, un centro attrattivo incomparabile in fatto di promozione di bellezza e di cultura.
Dopo il delicato e raffinato restauro delle statue il Museo Nazionale della Magna Grecia, carte alla mano, è costantemente luogo di visite, punto d’interesse da parte di turisti provenienti da qualsiasi parte del mondo”.
“Tanto detto – suggerisce Filippo Quartuccio – vogliano, i consiglieri Ciconte e Greco, accettare il consiglio di munirsi di migliori strumenti per operare alla valorizzazione del turismo, della storia, dell’identità della terra in cui da rappresentanti pubblici operano, magari mutuando l’idea che non siano i Bronzi a dover andare da villeggianti per il Pianeta terra, ma il Mondo a dover venire a far loro visita”.

Contenuti correlati