Macellazione clandestina, cattiva conservazione degli alimenti e pericolo causato alla salute pubblica: denunciata proprietaria di azienda zootecnica

Nei giorni appena trascorsi, personale della Polizia di Stato, unitamente ai Carabinieri Forestali e all’Ispettorato del Lavoro, ha effettuato numerosi servizi volti ad una sempre più incisiva attività di prevenzione e di monitoraggio del territorio. Durante un controllo ad un’azienda zootecnica di Stilo, in provincia di Reggio Calabria, gli agenti in servizio presso il Commissariato di Siderno hanno contestato diverse infrazioni amministrative.
In particolare, è stata rilevata la mancanza di documenti relativi alle procedure di autocontrollo H.A.C.C.P., l’omessa notifica all’autorità competente della segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) e l’omissione delle trascrizioni e degli aggiornamenti prescritti dalla legge del registro aziendale di carico e scarico bovini. L’ammontare delle sanzioni e pari alla somma di 7.000 euro. La titolare dell’azienda è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria per macellazione clandestina, cattiva conservazione degli alimenti, ricettazione e pericolo causato alla salute pubblica. La merce, consistente in carni e latticini, e il locale dove si svolgeva l’attività di produzione degli alimenti sono stati sottoposti a sequestro preventivo.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento