L’Ordine Costantiniano partecipa ai festeggiamenti di Santa Barbara, Patrona di San Ferdinando

La Delegazione Calabria del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, il più antico Ordine Cavalleresco della storia e della Cristianità, le cui origini vengono tradizionalmente fatte risalire all’imperatore Costantino I il Grande, dietro invito dell’Associazione Civica “Santa Barbara Onlus”, ha partecipato ai solenni festeggiamenti in onore di Santa Barbara, Patrona di San Ferdinando e protettrice, tra gli altri, dei Vigili del Fuoco e dei Marinai.
Calorosa è risultata l’accoglienza tributata, nella splendida Chiesa Madre di San Ferdinando Re, dai fedeli sanferdinandesi alla Delegazione Costantiniana, rappresentata per l’occasione dai Cavalieri Giovanni Surace, Rocco Gatto e Pasqualino Guerrisi. A quest’ultimo, al termine della Santa Messa officiata da Don Antonino Massara, è stata consegnata una pregevole icona della “Madonna con Bambino”, opera dell’iconografo Paolo Federico, realizzata in memoria della signora Rosaria Biondo, madre dello stesso Cav. Guerrisi e attiva componente della Comunità Parrocchiale, prematuramente scomparsa un anno fa.
Durante la Celebrazione Eucaristica i cavalieri, portando i doni della Delegazione, hanno partecipato al rito dell’Offertorio, ricevendo dal parroco, Don Antonino Massara, a nome della Comunità sanferdinandese, un sentito “grazie per l’ennesima donazione di generi di prima necessità che esprime, attraverso l’aiuto agli ultimi, una concreta testimonianza di fede”. Ulteriori saluti e ringraziamenti alla Delegazione sono stati pubblicamente esternati anche dal Presidente dell’Associazione Santa Barbara, Giuseppe Calì.
Diverse le autorità civili e militari presenti: il sindaco di San Ferdinando, Andrea Tripodi; il consigliere regionale Giovanni Arruzzolo; rappresentanze della Capitaneria di Porto, dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile, della Croce Rossa e delle Associazioni Carabinieri in congedo e dei Marinai.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento