L’analisi di “Io resto in Calabria”: “Per uscire dalla crisi serve detassare il costo del lavoro al Sud”

IRIC sostiene le proposte di De Masi

“I dati più recenti raccolti dalla Regione – evidenzia in una nota ‘Io resto in Calabria’ – parlano di oltre 20mila nuove assunzioni in meno tra febbraio e marzo 2020.

I ritardi storici della Calabria sono stati evidentemente aggravati dall’emergenza Coronavirus e, ancora una volta, ad avere la peggio sono le categorie di lavoratori più esposte, in particolare le donne e i precari, mentre a risentirne di più sono l’agricoltura e il turismo, settori che invece dovrebbero essere trainanti per la nostra economia. Di fronte a una tale situazione di crisi nella crisi non possiamo certo permetterci uno ‘scippo’ di fondi europei che alimenterebbe ulteriori disparità, né accontentarci di misure meramente assistenziali. Sono necessari, invece, provvedimenti che prevedano la detassazione del costo del lavoro proprio nelle zone che hanno un’economia più debole e, proporzionalmente, a favore dei settori che stanno maggiormente accusando il colpo. Sosteniamo a pieno le proposte avanzate in questo senso da Nino De Masi, da sempre vicino a ‘Io resto in Calabria’ nonché fautore della candidatura di Pippo Callipo alla presidenza della Regione, e siamo felici che le sue idee stiano ottenendo appoggio da altre forze politiche come PD e M5S”. “Siamo convinti – afferma con decisione IRIC – che l’unica rinascita possibile debba passare da un nuovo meridionalismo che, come auspica l’imprenditore antimafia, abbia nel rispetto della legalità la sua precondizione essenziale e che, oltre a ciò, pensi a dare risposte concrete al disagio più che a piangersi addosso. La crisi rischia di rafforzare ulteriormente la presenza della ‘ndrangheta sul territorio e di creare così una bomba sociale che si può disinnescare solo ripartendo dal lavoro. Le misure di ‘compensazione’ mirate a istituire una fiscalità ridotta attrarrebbero nuovi investimenti e ciò potrebbe anche contribuire a frenare l’emorragia dei nostri giovani migliori. Sarebbe poi essenziale, come propone ancora De Masi, che le banche sostenessero le piccole imprese con prestiti a tasso zero e forme di garanzia semplificate”. “Tutto, a nostro parere, va incentrato sulla defiscalizzazione del costo del lavoro e auspichiamo – conclude la riflessione proposta ‘Io resto in Calabria’ – che su tali proposte possa nascere un dibattito costruttivo che avrebbe come sede naturale il Consiglio regionale della Calabria”.

Contenuti correlati