La Strada presenta mozione per sospendere ogni iniziativa finalizzata al Ponte e per costituire un tavolo che affronti le reali necessità dell’Area dello Stretto

Sono 68 le criticità evidenti rilevate nel Parere del Comitato Scientifico relativamente al Progetto definitivo del Ponte sullo Stretto. Nulla di nuovo per chi, come la Strada, sostiene da sempre che il Ponte costituisca un’opera già obsoleta, inutile per il territorio e uno spreco di ingenti risorse pubbliche che andrebbero indirizzate alle reali esigenze del territorio con opere pubbliche davvero idonee a migliorare la sicurezza, la mobilità e la valorizzazione dell’Area dello Stretto.


Il rischio concreto è che la macchina della propaganda sul Ponte, nonostante gli importanti rilievi, prosegua a spron battuto e che gli espropri e la cantierizzazione delle opere propedeutiche partano in tempi elettoralmente utili con tutte le problematiche connesse.
Uno sfascio che va evitato con ogni sforzo democratico e a cui nessun amministratore può ritenersi estraneo. Ecco perché La Strada con il consigliere Saverio Pazzano ha presentato una mozione che impegni sindaco e Giunta a difendere gli interessi del territorio e a chiedere “- nelle more dei riscontri che dovranno essere rappresentanti con il Progetto Esecutivo del Ponte sullo Stretto- la sospensione di ogni attività e/o iniziativa complementare o propedeutica destinata a intervenire sugli interessi dei privati e del territorio tutto”, nonché a “a chiedere al Governo la costituzione di un tavolo di confronto con la presenza dei Sindaci dell’Area dello Stretto ove si possano rappresentare gli interessi delle comunità locali e si indichino le necessità reali e i bisogni oggettivi del territorio, per un impiego funzionale e strategico delle risorse pubbliche”.

“Sulla pelle – tuonano i rappresentanti del Movimento Civico – della cittadinanza dell’Area dello Stretto e della cittadinanza di Reggio, in particolare per quanto concerne l’impegno de La Strada in Consiglio comunale, non si può continuare a giocare!
È necessario che tutte le forze amministrative locali, con l’evidente sostegno dei partiti che a livello nazionale si battono per lo Stretto e contro il Ponte, prendano una posizione chiara e netta, tanto più in un momento come questo in cui i tanti rilievi già espressi negli anni da movimenti, associazioni e gruppi di cittadini hanno trovato conferma nel parere del Comitato Scientifico”.

Il Gruppo La Strada con Saverio Pazzano auspica un confronto e un dialogo positivi con i colleghi consiglieri, in primo luogo con quelli dell’area progressista, per il bene della città e nel primo interesse della tutela del patrimonio paesaggistico, ambientale e culturale dell’Area dello Stretto entro cui Reggio ha un ruolo centrale.

“La mozione – dettagliano i membri de ’La Strada’ – è frutto anche dell’ assemblea pubblica tenutasi nell’aula del Consiglio Comunale di Reggio lo scorso primo marzo, segno di una Politica che nasce dall’ascolto e dall’incontro con il territorio e con i suoi rappresentanti. È il lavoro comune che si desidera fare in difesa di questa nostra bella terra. Su cui nessuno deve permettersi di speculare. ’Non si vede come e perché il diritto ad una mobilità sicura, veloce, sostenibile ed efficiente per la città di Reggio debba essere condizionata, in modo subordinato e pressoché subalterno, alla realizzazione del Ponte’, è scritto nella mozione presentata e, forse, il ragionamento è tutto qui: i nostri diritti – è ferma convinzione de ’La Strada’ – non sono barattabili, Reggio e la comunità reggina meritano diritti non compensazioni o concessioni”.

Contenuti correlati