La “Festa del fungo” è un trionfo: Serra invasa dai visitatori

Unire le forze per far conoscere le eccellenze di un territorio che, tra mille difficoltà, vuole comunque smettere di piangersi addosso e ripartire. Con questo intento è stata ideata la “Festa del fungo”, ormai giunta alla V edizione.

Un evento ormai consolidato che attira visitatori da ogni dove, che “offre” le bellezze locali, che muove l’economia. A far da motore sono gli instancabili ragazzi della Pro loco, che, sostenuti dagli imprenditori e dall’Amministrazione comunale, hanno creato un momento di rottura positiva: Serra e il comprensorio rispondono presente, ma un po’ tutta la Calabria sente il richiamo, affascinata da colori, odori e sapori unici. Lo sfondo, grazie alle particolarità paesaggistiche, storiche ed architettoniche, contribuisce a creare un’atmosfera di serenità e di condivisione. Corso Umberto I è un trionfo di stand gastronomici, le attività di ristorazione propongono un graditissimo pacchetto ovviamente a base di quello che, in questo momento, è il re della montagna: il porcino. L’appuntamento – contraddistinto anche dall’escursione, dalla mostra micologica, dalla discussione con gli esperti del settore, da esibizioni musicali e di danza – quest’anno è sovrapposto alla Festa di San Bruno: il risultato, coniugando tradizione e devozione, è un nuovo autentico successo. Serra è infatti invasa da turisti e curiosi dal palato delicato. Un’iniziativa, insomma, da lodare e replicare: lo sviluppo, che normalmente appare un sogno, è così percepito come una meta non irrealizzabile.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento