Ionadi, l’Amministrazione replica a Gullì: “In campo un grande lavoro, basterebbe frequentare il Comune per conoscerlo”

“Non è questo il modo di fare politica, è da quando è stata rimossa da vicesindaco che la consigliera Gullì non si vede al palazzo municipale, sappiamo della sua presenza grazie a qualche pec o articolo di giornale”. Il vicesindaco Gabriele Prestia non rimane in silenzio e replica alla controparte affermando che “i cittadini le hanno affidato un compito ben preciso che non è quello che sta portando avanti da quando non fa più parte dell’esecutivo, infatti anche da semplice consigliere comunale si può fare tanto se al primo posto si mette la voglia di fare e l’amore per il proprio paese”.

“Entrando nel merito – precisa Prestia – c’è da dire che nel settore dei lavori pubblici e nello specifico per quanto attiene le rete idriche, deleghe a me assegnate, un gran lavoro è stato fatto che ancora si sta portando avanti, ad iniziare dal revamping di tutta la componentistica elettrica delle fonti di approvvigionamento di Nao e Ionadi, con sostituzione delle pompe di sollevamento e messa in funzione di un altro pozzo in disuso da diversi anni il quale da un considerevole apporto idrico al serbatoio di Fontana vecchia di Ionadi capoluogo. Nella frazione Vena sono stati completati due pozzi idrici con portate di circa 350 litri al secondo ciascuno, ciò significa che appena sarà immessa in rete l’enorme quantità d’acqua prelevata non dovrebbero più verificarsi problemi di carenza idrica. Lo studio delle ricerche di perdite idriche è già stato completato da tempo, strano che non lo sappia essendo la consigliera Gullì vicesindaco al tempo, anche se la rete idrica è effettivamente vetusta è degna di nota la tempestività con cui si gestiscono e vengono riparate le perdite sulla rete, al massimo entro sei ore dalla segnalazione a prescindere che si verifichi in giorni feriali o festivi. A tal proposito vorrei ringraziare per la disponibilità della società Idrotecnica che gestisce la manutenzione delle reti idriche”. “Inoltre – prosegue – nell’articolo della consigliera indipendente veniva chiesto il perché non sia prevista la realizzazione di pozzi idrici anche nelle zone di Nao e Ionadi, come dovrebbe sapere il capoluogo e la frazione Nao sono esclusivamente servite da sorgenti e pozzi idrici, ciò non vuol dire che non stiamo programmando anche la realizzazione di un nuovo pozzo che vada ad aumentare la portare per Ionadi e Nao, certamente non può vederlo sull’albo pretorio nella fase di programmazione, lo troverà pubblicato quando tutto l’iter amministrativo sarà completo, in alternativa ci sarebbe la possibilità di frequentare il Comune e venire a conoscenza della programmazione che si vuole portare avanti. Purtroppo anche sugli ‘ammonimenti’, che poi sarebbe un’ordinanza, del sindaco dev’essere smentita la consigliera Gullì, ma non so io a farlo bensì gli eventi che si sono succeduti in questi giorni, infatti la zona di Caravizzi, più alta di tutto il centro abitato di Ionadi, non ha subìto alcuna interruzione idrica da 5 giorni a questa parte, guarda caso giorni in cui si sono verificate delle precipitazioni meteoriche, ciò significa che l’innaffiamento di orti e giardini riduce notevolmente la pressione necessaria a far si che l’acqua possa arrivare anche nelle parti più alte del paese”.

“Come già ribadito diverse volte – asserisce il sindaco Antonio Arena – alle polemiche strumentali preferiamo rispondere con i fatti che fino ad oggi ci danno ragione. Pochi giorni addietro ci è stata data comunicazione che il nostro Comune è stato finanziato dalla Comunità europea per la realizzazione di apparecchiature Wi-fi in aree pubbliche, questo vuol dire che sarà possibile fruire di una rete Wi-fi libera e gratuita nelle aree pubbliche del comune. Ciò non può che renderci felici per aver messo un altro tassello al nostro lavoro quotidiano, che anche grazie a questo intervento si sta sviluppando un politica di rinnovamento e sviluppo della comunità ionadese”.

“Sempre per rimanere in tema di fatti concreti e non sterili parole – sostiene infine – l’assessore Angela Morello, con delega all’Istruzione, con grande orgoglio anticipo che il nostro Comune è stato beneficiario di un finanziamento da parte del Ministero dell’Istruzione, il quale prevede l’adattamento funzionale degli spazi e delle aule didattiche in conseguenza dell’emergenza sanitaria da Covid-19, ciò ci permetterà di poter rendere le aule delle scuole idonee alle misure anticovid e, i nostri ragazzi, potranno riprendere serenamente la didattica frontale in aule sicure e più confortevoli”.

Contenuti correlati