Interventi su Salerno-Reggio Calabria, SS 106 e Alta Velocità: la Lega chiede chiarimenti al ministro

“Grandi annunci e poca chiarezza – secondo Giacomo Francesco Saccomanno, Commissario regionale della Lega – da parte del ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile, Enrico Giovannini. In una intervista al “Messaggero”, ha dichiarato che l’Alta Velocità, come altri investimenti che ricadono in una particolare area (Mezzogiorno), interesserà anche l’autostrada Salerno-Reggio Calabria, per circa 10 miliardi.

Siccome, già al tempo del Governo Renzi, essa era stata inaugurata, ci chiediamo a quale tratta il ministro si riferisca e se sia stata inclusa anche la parte riguardante Cosenza-Grimaldi-Altilia, dove i lavori in corso si protraggono da molti anni e gli incidenti, anche mortali, sono all’ordine del giorno. Il chiarimento merita di essere chiesto direttamente al ministro per evitare che continui con gli annunci evitando di concretizzare, come dovrebbe, l’azione politica, specialmente nei confronti del Sud”. “Allo stesso esponente del Governo – fa sapere Saccomanno – la Lega ha anche chiesto a che punto sono le tratte che riguardano la Strada Statale106 Ionica, denominata la “strada della morte”, per la sua pericolosità e le tantissime persone che sono rimaste per terra prive di vita, e, ancora, le ragioni dello spostamento della linea ferrata con aumento di circa 50 chilometri e, quindi, aumento dei tempi di percorrenza. Si spera che, finalmente, ai tanti annunci seguano le opere e non debba la Calabria attendere altre decine di anni per avere delle strade sicure e normali.

Contenuti correlati