Inchiesta “Passepartout”, Brunetta difende Occhiuto: “Arginare i tentativi di favorire l’antipolitica”

“Puntuale come un orologio svizzero, e soprattutto singolare, poiché non esiste reato, l’avviso di garanzia recapitato a Mario Occhiuto, a pochi giorni da importanti scadenze elettorali”.

A difesa del sindaco di Cosenza ed aspirante candidato alla Presidenza della Regione, interviene il deputato Renato Brunetta, che pone diverse domande: “Di cosa sarebbe accusato il bravo sindaco di Cosenza? Di essersi rivolto ad istituzioni di livello superiore, come la Regione, per sollecitare la realizzazione di un importante museo, come quello di Alarico, da collocare al posto di un ecomostro? Che cosa mai avrebbe commesso?”. Ad avviso dell’ex ministro per la Pubblica Amministrazione e l’innovazione “l’accusa è semplicemente quella di aver fatto bene il suo mestiere ed aver compiuto scelte onorevoli, proprie di un bravo amministratore che svolge una corretta azione politica”. 

“Non si può e non si deve – aggiunge l’esponente di Forza Italia – lasciare spazio ad una giustizia che agisce secondo il principio ‘facciamo di tutta un’erba un fascio’. Rispettiamo le indagini, attendiamo di conoscere gli sviluppi della vicenda, ma diamo modo a Mario Occhiuto di poter essere interrogato, come lui chiede, per fare luce sui fatti e arginare qualsiasi tentativo di favorire l’antipolitica che, anziché rendere giustizia, la distrugge”.

Contenuti correlati