Imprenditore travolto e ucciso da un’auto: 20enne ai domiciliari per omicidio stradale

E’ ristretto in detenzione domiciliare il giovane di 20 anni che nella notte tra sabato e domenica era al volante dell’auto finita sul 43enne Pasquale Sgotto, morto in seguito al violento impatto. Il ragazzo fermato dai Carabinieri della Compagnia di Locri vive a Portigliola e risponde del reato di omicidio stradale.  L’incidente nel quale ha perso la vita Pasquale Sgotto, imprenditore di Siderno, è avvenuto lungo la Strada Statale 106, nel territorio comunale di Locri. Il veicolo ha travolto anche L.B., 43enne compagna della vittima, per la quale si è reso necessario il trasporto presso l’ospedale “Annunziata” di Cosenza nel cui reparto di Rianimazione si trova tuttora. Il provvedimento restrittivo è stato disposto dal sostituto procuratore Vincenzo Toscano. I due erano stati travolti dall’automobile subito dopo aver assistito, al cinema, alla proiezione di un film e stavano attraversando la strada per raggiungere la loro vettura. Il ventenne, arrestata la corsa dell’automezzo, è sceso dallo stesso e, sebbene scioccato per l’accaduto, si è attivato per allertare i soccorritori.

 

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento