Illecite utilizzazioni boschive a Brognaturo: due indagati

Nell’ambito dei servizi predisposti dal Gruppo Carabinieri Forestale di Vibo Valentia, mirati in particolare alla prevenzione e repressione di reati ai danni del patrimonio forestale, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Serra San Bruno hanno deferito all’Autorità Giudiziaria la titolare di un’impresa boschiva e il relativo responsabile di cantiere per truffa aggravata, furto aggravato, invasione di proprietà e danneggiamento.


I due indagati, a seguito dell’acquisto di un lotto boschivo costituito da una foresta di ceduo di castagno con presenza di piante di roverella e di ciliegio selvatico, avrebbero sconfinato nelle particelle limitrofe, prive di autorizzazione al taglio e non ricomprese nel contratto di compravendita. Quest’ultimo sarebbe risultato contraffatto perché riportante le firme in calce falsificate, contemplando, altresì, alcune particelle non indicate nell’atto originale ed un prezzo di acquisto ribassato, rispetto a quello realmente corrisposto, con conseguente elusione fiscale sull’imposta di registro.
Il solo danno economico subito dai proprietari del bosco è stato quantificato, con apposita perizia giurata, in circa 13.000 euro.

Contenuti correlati