Il Tribunale del Riesame ha rimesso in libertà il sindaco di Rende

Il Tribunale del Riesame, in accoglimento dell’istanza avanzata dagli avvocati Gian Domenico Caiazza e Nicola Carratelli, ha disposto l’annullamento della detenzione domiciliare a carico di Marcello Manna, sindaco di Rende, che dunque torna ad essere un uomo libero.

Presidente regionale dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani, Manna, nell’ambito dell’inchiesta “Reset”, è accusato di legami con le cosche della ‘ndrangheta, soprattutto in riferimento al periodo delle elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale svoltesi tre anni fa. Al centro dell’interesse degli inquirenti il presunto voto di scambio politico-mafioso fondato, a loro giudizio, sulla realizzazione e la conduzione del palasport di Rende.

Contenuti correlati