Il Consorzio del Bergamotto ringrazia Occhiuto e tutte le istituzioni a favore della Dop: “Basta litigi, tutto il territorio deve unirsi”

Il presidente del Consorzio di Tutela del Bergamotto di Reggio Calabria Dop, Ezio Pizzi, chiede unità. Al territorio ed ai produttori. “Se andremo tutti uniti per ottenere questo riconoscimento Dop ci riusciremo in pochi mesi perché ne abbiamo la possibilità e abbiamo anche la volontà politica espressa dalla Regione Calabria. Il territorio ci aiuti, stiamo tutti dalla stessa parte, senza ulteriori prese di posizione che non servono”, è il forte messaggio, distensivo, del presidente.


Pizzi vuole ringraziare pubblicamente il governatore Roberto Occhiuto “per l’illuminata e coraggiosa interpretazione della dinamica di riconoscimento del marchio di tutela del Bergamotto di Reggio Calabria e perché, come ogni buon padre di famiglia ha deciso, senza remore, la strada migliore per tutti. Chi oggi deve gestire le sorti della nostra terra- afferma Pizzi- non può avere tentennamenti o dubbi. Nel caso del bergamotto, Occhiuto, ma anche l’assessore Gallo e tutta la governance amministrativa regionale, hanno sinceramente voluto incidere con un contributo fondamentale per portare a termine il percorso istituzionale più lineare e più veloce, oltre che quello più significativo per il prodotto”.
Il Consorzio che, negli ultimi mesi, aveva scelto la strada del silenzio per non assecondare ulteriori polemiche, nonostante sia “forte” anche nei numeri degli iscritti (ben oltre 500), si ritiene “estremamente soddisfatto” per i tanti interventi che stanno pubblicamente appoggiando il cammino della Dop. Oltre ad Occhiuto, alla politica regionale ed ai parlamentari calabresi, forte è il consenso del presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria Tramontana, del Rettore dell’Università “Mediterranea” Zimbalatti, dei presidenti delle Confederazioni agricole Borruto (Cia), Basile (Coldiretti), Canale (Confagricoltura) e Lentini (Copagri) che hanno ribadito, in modo unitario, l’auspicio che il frutto fresco di bergamotto sia insignito del marchio Dop. Ma anche tutto il resto del mondo agricolo e chi, come ad esempio il professore Vincenzo Montemurro che, negli ultimi 12 anni, è stato un “protagonista ed autorevole divulgatore scientifico delle proprietà salutistiche del bergamotto di Reggio Calabria”. Senza dimenticare il compianto professore Franco Romeo che, ricorda il presidente “mi ha introdotto come relatore a diversi convegni nazionali e internazionali di cardiologia ad illustrare le proprietà del nostro agrume strettamente legato al territorio”. E ancora, l’associazione ambientalista “Fare Verde” che ha qualificato l’attuale azione. Per l’avvocato Pizzi, insomma, siamo di fronte ad un “risveglio delle coscienze” con la società civile, i tantissimi produttori che non hanno mai smesso di “dare forza alle nostre scelte”, le Istituzioni e moltissimi cittadini che, oggi più di ieri, devono (e dobbiamo) unirci, senza altre polemiche, tutti insieme per raggiungere un grande, enorme, risultato per il nostro amato e identitario agrume”.

Contenuti correlati