I tirocinanti degli enti locali e delle aziende private preoccupati: “La politica calabrese non giochi con i bisogni delle persone”

"Chiediamo all'assessore di fare chiarezza in merito"

I tirocinanti degli enti locali e delle aziende private partecipano a tutta la politica calabrese la preoccupazione: “Per la mancanza di certezze sulla data della pubblicazione del bando che prevede, come più volte ribadito dall’assessore, la partecipazione blindata ai 4700 tirocinanti già in forze quest’anno all’interno di enti locali e aziende private.

Molte convenzioni sono già scadute e nel mese di ottobre la maggior parte dei Comuni rimarrà senza manodopera.
L’impatto sociale sarà devastante se si dovrà attendere qualche mese più del previsto perché il 90% dei tirocinanti si sostentano solo con questa indennità”.
“Chiediamo a gran voce – è l’istanza avanzata dai tirocinanti – che la data di ottobre sia rispettata o non sia messa in dubbio da dipendenti regionali o da dirigenti regionali che sembrano di diverso avviso. Chiediamo alla politica calabrese di non giocare con i bisogni delle persone e soprattutto chiediamo all’assessore di fare chiarezza in merito”.

Contenuti correlati