I tirocinanti chiedono continuità: “Si arrivi ad una soluzione immediata”

"Ci auguriamo che il tavolo tecnico annunciato per la prossima settimana sia quello che segni l'inizio di un percorso positivo"

“Il 31 luglio – informano i tirocinanti degli enti locali e delle aziende private – alla Cittadella abbiamo manifestato per ottenere una proroga di perfezionamento di 12 mesi a fronte della soluzione condivisa a mezzo stampa dall’assessore al Welfare Angela Robbe.


La soluzione messa a punto dalla Regione per noi tirocinanti degli enti locali e delle aziende private è quella di un bando per 24 mesi riservatoci con la forma dei Tirocini di inclusione sociale.
Premesso che, se fosse questa l’unica soluzione attuabile al momento, sarebbe pazzesco non prenderla in considerazione poiché migliaia di famiglie resterebbero a casa senza reddito fino a quando qualche ministero competente non decidesse di dialogare con la Regione per attuare una proroga di perfezionamento”.
“Tuttavia – è l’idea manifestata di tirocinanti – auspichiamo che il dipartimento Lavoro trovi una formula con le sigle confederali Cgil, Cisl e Uil nell’ottica del perfezionamento e del riconoscimento delle competenze o, quantomeno, se i tirocini di inclusione fossero l’unico strumento possibile, un impegno scritto che impegni chi di competenza a rispettare il volere della maggior parte dei tirocinanti e cioè il perfezionamento e la qualifica.
Vista la partecipazione di molti sindaci che riconoscono il nostro lavoro nei Comuni, chiediamo agli stessi sindaci presenti di volersi fare carico della situazione anche con la partecipazione economica che sarebbe sicuramente molto più incentivante per noi, anche con un buono pasto o un buono benzina mensile a fronte del risparmio economico che stiamo apportando agli enti poiché siamo a totale carico regionale”. “Certi di una risoluzione rapida e, soprattutto, senza stacco rispetto al percorso avviato, ci auguriamo – è la speranza conclusiva dei tirocinanti – che il tavolo tecnico annunciato per la prossima settimana sia quello che segni l’inizio di un percorso positivo per tutti noi che abbiamo famiglie da mantenere”.

Contenuti correlati