Hanno incendiato i loro locali per truffare l’assicurazione

I fatti risalgono a incendi verificatisi nel corso degli ultimi due anni

In questi giorni la Polizia di Stato ha denunciato diverse persone accusate a vario titolo dei reati di incendio doloso perché sospettate di aver dato fuoco ai locali di cui erano proprietari o gestori al fine di conseguire dei vantaggi economici anche sul piano assicurativo.

I fatti risalgono a incendi verificatisi nel corso degli ultimi due anni a Crotone.
In particolare, a luglio dello scorso anno, i giorni 14 e 20, si verificarono gli incendi della pizzeria “La Stangata” in via Tellini e della sala scommesse “Replatz” in via Assisi. Nel primo episodio incendiario ci fu addirittura una vera e propria esplosione del locale, tanto che furono danneggiate anche diverse auto parcheggiate nella zona e si rese necessaria l’evacuazione dell’intero palazzo in quanto le fiamme avevano creato una densa coltre di fumo che aveva completamente avvolto gli appartamenti sovrastanti la pizzeria. Gli episodi incendiari, verificatisi a distanza di una settimana, fecero pensare a una recrudescenza del fenomeno estorsivo che destò un certo allarme nella cittadinanza viste anche le modalità con le quali gli incendi erano stati appiccati.
Le indagini, coordinate dalla Procura Distrettuale, prima, e poi transitate alla Procura Ordinaria, svolte dal personale della Squadra Mobile di Crotone con l’ausilio anche di intercettazioni, hanno fatto, tuttavia, emergere un quadro diverso in quanto sono stati raccolti diversi elementi che avrebbero individuato nei proprietari e nei gestori dei locali gli autori o i mandanti dei gravi fatti delittuosi. Infatti nel caso della “Stangata” sono stati individuati quali autori materiali I.R., 50 anni, sua moglie nonché titolare della pizzeria B.A., 47 anni, e il loro figlio I.D., 21 anni.
Inoltre la moglie è stata denunciata anche per il reato di simulazione di reato in quanto aveva dichiarato in Questura che ignoti le avevano incendiato la pizzeria.
Nell’incendio della sala scommesse Replatz sono stati individuati quali autori materiali D.M.L., 37 anni, e L.D., 35 anni, entrambi noti alle forze di polizia, mentre, come mandante, proprio il gestore della sala scommesse M.F.P., 35 anni. In entrambi i casi vi era una copertura assicurativa per quella tipologia di danneggiamenti. Infine, lo scorso 20 maggio, nel corso della notte, in via Botteghelle divampò un grosso incendio. Anche in quel caso vi fu una vera e propria esplosione, di un capannone industriale in uso a R.R., 41 anni. Dopo essere riusciti a domare le fiamme grazie all’intervento dei Vigili del Fuoco, i poliziotti effettuarono un sopralluogo che permose fin da subito di raccogliere elementi che facevano non solo pensare alla natura dolosa dell’evento, ma anche a un possibile coinvolgimento del gestore del capannone. Le successive indagini, svolte sotto il coordinamento della Procura di Crotone, hanno consentito di appurare che in effetti, quella notte, il R.R., mediante l’uso di liquido infiammabile e accendini istantanei, avrebbe dato fuoco allo stabile denunciando poi falsamente alla Questura che ignoti avevano danneggiato il suo capannone.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento