Guccione: “Caos nel Dipartimento Tutela della Salute, Servizi sociali e sociosanitari; a chi giova?”

“Cosa sta accadendo al Dipartimento Tutela della Salute, Servizi sociali e sociosanitari della Regione Calabria? Le dimissioni del direttore generale hanno portato alla nomina del dirigente vicario Giacomino Brancati che, oltre a sostituire Francesco Bevere, ha altre tre funzioni dirigenziali ad interim nello stesso Dipartimento. Apprendiamo, tra l’altro, che anche altri dirigenti sarebbero in procinto di chiedere le dimissioni o di essere spostati ad altro incarico”.

Il consigliere regionale Carlo Guccione accende i fari su quanto accade nella Cittadella regionale e ricorda che di aver già “denunciato quanto accadeva nel Settore ‘Rilascio autorizzazioni e accreditamento Strutture sanitarie – Servizi ispettivi’ del Dipartimento Tutela della Salute”, e chiesto di “fare chiarezza a seguito della missiva inviata dall’Anac (Autorità nazionale anticorruzione), lo scorso mese di dicembre, avente per oggetto: ‘Segnalazioni di criticità concernenti l’attività di controllo sulle strutture sanitarie e sociosanitarie private accreditate della Regione Calabria’”. 

“Da una lettura attenta di tale documento – sostiene l’esponente del Pd – era emerso un quadro preoccupante sulla carenza delle misure atte a prevenire eventuali illegittimità nei procedimenti. Più volte attraverso interrogazioni e prese di posizione pubbliche, ho segnalato che il Settore ‘Autorizzazioni e accreditamento’ del Dipartimento Tutela della Salute della Regione Calabria ha accumulato ritardi ingenti e una vasta mole di arretrato che si è accumulato nel corso di questi anni. Tra l’altro, siamo a conoscenza che per alcune pratiche non viene rispettato l’ordine cronologico delle domande. Un atteggiamento da parte della Regione Calabria che rischia di favorire l’illegalità e l’illegittimità. Le mancate risposte, positive o negative, all’enorme mole di richieste che giacciono da anni nei cassetti del Dipartimento, generano contenziosi e ricorsi che confermano l’incapacità della Regione di concludere i propri iter amministrativi. A chi giova tutto ciò? Certamente non a coloro i quali pretendono, giustamente, il rispetto della legge e dell’iter trasparente delle procedure”. 

Ne derivano considerazioni pessimistiche: “La macchina organizzativa di questo importante Dipartimento continua a peggiorare. Regna il caos più totale in un settore chiave della Regione Calabria: un caos forse creato ad hoc per favorire determinati interessi. 

Paradossale è anche la situazione delle associazioni di volontariato che garantiscono il servizio di supporto al sistema di emergenza-urgenza del 118 della provincia di Cosenza. Da mesi chiedono che vengano autorizzate dalla Regione Calabria le pratiche di accreditamento per poi procedere alla convenzione tra Asp di Cosenza e associazioni di volontariato. Ma – conclude con amarezza – dal Dipartimento della Regione non è mai arrivata alcuna risposta”.

Contenuti correlati