Gay rifiutati in casa-vacanze del Vibonese: proprietario minacciato di morte

Il 44enne Filippo Mondella, il proprietario della casa-vacanze di Santa Maria di Ricadi, nel Vibonese, salito agli onori della cronaca per aver scritto ad una coppia di omosessuali che gay ed animali non sono ben accetti nella struttura, ha denunciato ai Carabinieri della Stazione di Spilinga di essere stato destinatario di minacce di morte. Frasi intimidatorie che gli sono state recapitate attraverso la posta privata di Facebook. “Ed ora che ti abbiamo trovato – queste le parole minatorie – nemmeno immagini quanto sia facile per noi dare fuoco a te e alla tua attività di merda. Stai attento, molto attento”. Mondella, di Francica, ha consegnato la copia ai militari dell’Arma aggiungendo le generalità del mittente.  “Ecco – è stato il commento del titolare della casa-vacanze interpellato dall’AGI – a cosa porta il linciaggio mediatico al quale sono stato sottoposto”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento