Fulco Ruffo di Calabria in visita a Serra San Bruno

È giunto a Serra San Bruno per motivi “semituristici” ma anche per verificare la fattibilità di “piccole idee per aiutare la Calabria”. Il principe Fulco Ruffo di Calabria ha visitato il Museo della Certosa e la Chiesa Addolorata, accompagnato dall’ex vicesindaco Jlenia Tucci, dal conduttore televisivo Massimo Brescia e dall’esperto Marco Primerano.


Il legame della sua famiglia con la Calabria risale all’epoca normanna con le attività di Pietro Ruffo Conte di Calabria ed è proseguito in maniera più o meno intensa fino al 1800 toccando punte importanti nel periodo aragonese. Molto noti alla nostra regione sono il nonno aviatore che portava lo stesso nome e che, a seguito delle sue missioni durante la Prima Guerra mondiale, fu insignito della Medaglia d’Oro. Più recente (un ventennio fa) la visita della zia Paola regina del Belgio nella città della Certosa.
Anche se ha una buona conoscenza della Punta dello Stivale, Fulco Ruffo di Calabria ha apprezzato nuovamente le bellezze storiche e paesaggistiche del principale centro delle Serre. Che evidentemente rientra nei suoi progetti.

Contenuti correlati