Ferro tira le orecchie ad Oliverio: “Caduti nel vuoto gli annunci per i fondi della statale 106”

“L’ansia da prestazione elettorale del governatore Oliverio gli ha tirato un brutto scherzo. L’annuncio del finanziamento da oltre un miliardo e 300 milioni per i lavori del terzo megalotto della statale 106 è finito nel vuoto, per il clamoroso rinvio a data da destinarsi della riunione del Cipe che avrebbe dovuto dare l’ok definitivo”. È quanto afferma la candidata del centrodestra nel collegio per la Camera dei deputati Vibo-Soverato, Wanda Ferro. “Peccato – sostiene l’esponente di Fratelli d’Italia – che a pagare il prezzo più alto siano i calabresi, che ancora una volta vedono allontanarsi l’apertura dei cantieri della nuova statale ionica. La grande manifestazione organizzata a Trebisacce, con l’evidente intendo di dare una spinta alla campagna elettorale del Partito democratico, si è rivelata un boomerang. Il centrosinistra meriterebbe il tapiro d’oro. La verità è che il Governo nazionale non tiene in alcuna considerazione i suoi luogotenenti calabresi, né ha alcuna attenzione per una regione considerata come estrema periferia dell’impero. Non solo per molto tempo la statale 106 continuerà ad essere la vecchia e pericolosa ‘strada della morte’ – aggiunge Ferro – ma l’asfissia finanziaria in cui il Governo ha costretto le Province rende difficile la manutenzione e la messa in sicurezza della viabilità interna. Territori come il Vibonese hanno un sistema viario da dopoguerra, che non solo rappresenta un pericolo per gli utenti della strada, ma è un grave freno alla crescita economica di un territorio a vocazione turistica. Una situazione così grave – conclude da giustificare un piano straordinario di emergenza che consenta anche ai Vibonesi di sentirsi cittadini italiani”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento