Fermati i due sospetti assassini del 36enne ucciso sui gradini di una piazza

All'origine dell'omicidio vi sarebbero contrasti sorti all'interno dell'oscuro ambiente legato alla droga

Sono stati identificati nell’arco di 48 ore i presunti responsabili dell’assassinio di Giovanni Tersigni, l’uomo di 36 anni ucciso verso le 19 di sabato mentre si trovava in Piazza Albani, nel cuore di Crotone.

Le lesioni agli arti inferiori si erano rivelate fatali per la vittima deceduta nel corso della notte all’ospedale “San Giovanni di Dio” dove era stata accompagnata, a bordo di un’ambulanza, dal personale sanitario del 118. Vano si era rivelato il disperato tentativo di salvargli la vita sottoponendolo ad un complesso intervento chirurgico. L’attenzione degli inquirenti, in particolare, ha stretto il cerchio attorno ad un 30enne in passato coinvolto in vicende giudiziarie connesse allo spaccio di sostanze stupefacenti, e ad un giovane di 20 anni di nazionalità bulgara. All’origine dell’omicidio vi sarebbero contrasti sorti all’interno dell’oscuro ambiente legato alla droga.

Contenuti correlati