Falsa cieca per 15 anni, scoperta e denunciata dai carabinieri: indagati anche i due medici che hanno certificato l’invalidità

I Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno denunciato in stato di libertà una donna, 48enne del posto, pensionata, per truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato, gravemente indiziata per la percezione indebita della pensione d’invalidità riservata ai soggetti affetti da “cecità assoluta”.


L’indagine, condotta dai militari della Stazione Carabinieri di Gioia Tauro, ha permesso, soprattutto attraverso svariati servizi di osservazione e pedinamento, di riscontrare comportamenti assunti dalla donna con estrema dimestichezza e facilità come il semplice gesto di “scrolling” sul touchscreen del cellullare, così come l’assoluta autonomia dimostrata nel firmare atti o nei movimenti di quotidiana routine da non risultare sicuramente di così facile esecuzione anche nello status di “non vedente”.
Dagli accertamenti posti in essere dai militari dell’Arma, in particolare, è emerso che la donna per circa 15 anni, a causa delle false attestazioni sull’invalidità, avesse percepito indebitamente un’indennità stimata dall’I.N.P.S di circa 208.000 euro .
A risultare indagati, anche i due medici che, in diverse circostanze, avrebbero certificato l’invalidità della donna: i reati contestati, quello di truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato, nonché falso materiale commesso da pubblici ufficiali in atto pubblico, in concorso.
Trattandosi di provvedimento in fase di indagini preliminari, rimangono salve le successive determinazioni in fase dibattimentale.

Contenuti correlati