Fa resistenza all’arresto e tenta, con l’aiuto della moglie, di nascondere la cocaina

L'uomo è stato inseguito e raggiunto in prossimità della sua dimora

Personale della Polizia di Stato, appartenente al Commissariato di Corigliano-Rossano, in provincia di Cosenza, ha tratto in arresto un pregiudicato, il 41enne S.A. per il reato di resistenza, lesioni e minacce a Pubblico Ufficiale. E’ stato, inoltre, denunciato, in concorso con la moglie, la 31enne A. T., per il reato di detenzione di sostanza stupefacente.


S.A. averebbe cercato inutilmente di sottrarsi ad un normale controllo stradale da parte del personale della Polizia di Stato. Inseguito e raggiunto in prossimità della sua dimora, lo stesso avrebbe aggredito materialmente gli agenti. Immediatamente immobilizzato e sottoposto a perquisizione personale, è stato rinvenuto quasi un grammo di cocaina per un totale di 4 dosi già preconfezionate.
Nella circostanza l’arrestato avrebbe urlato all’indirizzo della moglie, affacciatasi dalla finestra dell’abitazione “La Polizia!!! Butta tutto nel gabinetto”.
Sottoposta anche la moglie a perquisizione e soprattutto l’abitazione ed è così che, negli scarichi fognari, sono stati rinvenuti il residuo di altro mezzo grammo di cocaina.
Dell’avvenuto arresto è stata data data notizia al Sostituto Procuratore di turno presso la Procura della Repubblica di Castrovillari che ha disposto, in attesa del rito direttissimo, per l’arrestato la sottoposizione agli arresti domiciliari.

Contenuti correlati