Ex Lsu/Lpu, Consiglio regionale delle Autonomie locali: “Dipartimento Lavoro dia risposte chiare”

Il presidente del Consiglio regionale delle Autonomie locali, Salvatore Lamirata, in attesa di incontrare il presidente della Giunta regionale Mario Oliverio sulla questione inerente alla concessione della proroga al 31/12/2018 del contratto di lavoro a tempo determinato ai lavoratori Lsu/Lpu ai fini di una loro stabilizzazione, ha richiesto al Dipartimento Lavoro della Regione Calabria di fornire risposta ai quesiti sinora sollevati e provenienti da numerose Amministrazioni.
“La risposta ai quesiti è necessaria – spiega Lamirata – per garantire a tutti gli enti utilizzatori dei lavoratori ex Lsu/Lpu l’assunzione degli atti amministrativi necessari nel rispetto delle norme, fornendo direttive generali, dirette a tutte le Amministrazioni interessate, e favorendo così l’omologazione degli atti scongiurando la produzione di provvedimenti che si diversificano tra di loro e che pongono condizioni che possono potenzialmente rendere vulnerabile il contenuto dello stesso provvedimento. I quesiti – aggiunge il presidente del Consiglio regionale delle Autonomie locali – riguardano l’eventuale danno erariale paventato per la violazione del limite massimo consentito dei 36 mesi al rapporto di lavoro a tempo determinato; la possibilità della proroga generalizzata rispetto ai dettami della legge Madia e la condizione giuridica dei lavoratori nelle varie ipotesi verifica bili per il loro status. Il chiarimento – conclude Lamirata – è urgente e necessario per dirimere ogni controversia e per consentire agli Enti utilizzatori di agire in un rapporto di chiarezza con i lavoratori e nel rispetto delle leggi sull’Ordinamento dello Stato e sull’adozione di atti pubblici”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento