Elezioni Vibo, saluto romano della Limardo: c’è la “ferma condanna” del PD calabrese

"Vibo è stata governata per molti anni da una destra che l’ha lasciata priva di idee e di speranza"

“Ho appreso dalla stampa la notizia che Maria Limardo, candidata a sindaco del centrodestra a Vibo, ha salutato con il braccio teso i sostenitori presenti nella sede di Fratelli d’Italia. È un gesto che richiama idee e movimenti nefasti del passato, segnale di superficialità verso valori fondamentali del nostro Paese, che non dovrebbe appartenere a chi vuole rappresentare una comunità”.

Così il Commissario regionale del Partito Democratico della Calabria Stefano Graziano. “Alla vigilia del 25 aprile è ferma la condanna di tutto il Partito Democratico calabrese. A destra, nell’epoca del marketing politico, l’onda mediatica di social e giornali è funzionale a far parlare di sé, sminuendo ovviamente il senso della memoria storica e la portata dei valori cui la nostra società è depositaria. Vibo Valentia è stata governata per molti anni da una destra che l’ha lasciata priva di idee e di speranza: ha bisogno di progetti, non di trovate propagandistiche. Dopo quasi un decennio si continua a riproporre la fatale alleanza ora più marcatamente reazionaria”.
“Il Partito Democratico – conclude Graziano – è impegnato nella difesa dei principi democratici e repubblicani insiti nella nostra cultura costituzionale”.

Contenuti correlati