Elezioni Simbario, Versace pronto alla corsa: “Segnali positivi anche dallo schieramento prima opposto, allargato il precedente perimetro”

Il consigliere comunale Raffaele Versace guarda al domani e, quando ormai manca meno di un mese alla presentazione delle liste, fa chiarezza sui rapporti esistenti e sui prossimi passi. “La situazione attuale e la necessità per il futuro di dare un’Amministrazione all’altezza alla nostra comunità – premette il già candidato a sindaco – ha stimolato il dibattito tra i componenti della squadra che con me ha preso parte alla scorsa competizione elettorale facendo emergere la forte volontà di dare seguito all’esperienza fatta e dandomi fiducia per la costruzione di una compagine seria e competitiva”. Pertanto, Versace ha “avviato una serie di confronti con le componenti della comunità, singoli cittadini, imprese, giovani e meno giovani, persone che hanno fatto e che vogliono fare politica”. Si è trattato di un percorso “lungo, interessante e anche formativo” perché “ascoltare il punto di vista di persone che hanno esperienze di vita, lavorative e politiche diverse mi ha consentito di avere una visione molto più completa della nostra comunità e di conseguenza sulle azioni da intraprendere”.

Versace afferma di aver trovato “tante persone che in un modo o nell’altro hanno voglia di mettersi in gioco per Simbario, tanta gente piena di idee e soprattutto con la voglia di costruire” e sostiene che “i continui segnali positivi anche provenienti dallo schieramento opposto sono stati un chiaro indicatore del fatto che la comunità ha compreso lo spirito, molti si sono avvicinati per condividere idee e progetti”. Quello successivo è un passaggio chiave: “l’atteggiamento proposto durante tutta la legislatura ha poi favorito il dialogo con la maggioranza ed anche con il sindaco, i quali hanno acquisito la consapevolezza nel corso del tempo che da parte mia esisteva una vera voglia di fare bene e di conseguenza si è creato un clima non di scontro a prescindere ma di dialettica con Simbario al centro. Tutto questo ha contribuito alla crescita del progetto consentendo anche di andare oltre quello che era il perimetro delle scorse elezioni e di allargare il ragionamento a posizioni diverse, anche quelle più contrastanti hanno avuto la serietà e la responsabilità di mettere da parte il passato e guardare al futuro con passione e ambizione certi che il bene della comunità sia una priorità”.

“La tornata elettorale prossima – aggiunge – sarà molto importante, il periodo storico ed i grandi cambiamenti in corso mettono in evidenza l’importanza di essere pronti e di essere preparati per cogliere le opportunità del futuro; di conseguenza il ragionamento si è fatto via via più concreto, tante sono state le persone che hanno dimostrato di voler partecipare direttamente e tanti sono stati gli inviti e ripropormi come capolista. Ho riflettuto in maniere attenta ed ho deciso di accettare la sfida”. Ciò consente a Versace di essere ancora più esplicito: “ci proponiamo per amministrare la nostra comunità ed io, in piena condivisione, sarò il candidato sindaco. La squadra è stata pensata in modo da avere tutte le sensibilità necessarie per poter affrontare le svariate tematiche che l’Amministrazione di un comune propone, la voglia di fare e di unire ha portato alla costruzione di un gruppo capace di far confluire persone provenienti da esperienze diverse e dal punto di vista personale e da quello politico, con la necessità di andare oltre e con la forte volontà di cambiare marcia”.

“Siamo convinti – sottolinea ancora Versace – che amministrare una comunità come la nostra significhi prima di tutto ascoltare la stessa, capire quali siano le necessità e quali le opportunità che ognuno di noi riesce a vedere all’orizzonte. Simbario negli ultimi anni ha dimostrato, anche attraverso la nascita di varie associazioni, di volersi riaccendere dal punto di vista sociale, culturale ed economico, sarà quindi compito dell’Amministrazione futura creare le condizione affinché queste realtà progrediscano nel loro lavoro e, dove possibile, integrare lo stesso convinti del fatto che l’unione fa sempre la forza.

La grande vitalità della nostra comunità ci spinge a pensare che le cose da fare siano tante anche dal punto di vista dell’iniziativa economica privata, il periodo che stiamo attraversando sembra essere decisamente propizio per idee di un certo tipo in considerazione anche dei grandi cambiamenti sulle nostre vie di comunicazione: la Trasversale delle Serre che, per lunghi anni è apparsa come un’opera che mai avrebbe visto la luce, sta invece cominciando ad incidere sull’economia del nostro territorio; il collegamento con la costa ionica ci da già in parte idea di quello che può essere il potenziale di crescita, la prospettiva poi del completamento nel giro di non troppo tempo del tratto che dovrà collegarci in maniera importante all’autostrada darà un ulteriore stimolo creando di fatto una zona equidistante dai due mari, quello che dovrà essere lo snodo dei due mari”. Dunque, tante opportunità che danno origine ad una riflessione: “questa situazione potrà essere messa a frutto solo con impegno e programmazione, capire quali siano i punti dove intervenire e di conseguenza concentrare le risorse sarà di fondamentale importanza, creare sinergia tra enti pubblici e organizzazioni private sarà necessario per ottenere risultati. Efficientare il funzionamento degli uffici comunali diventa prioritario per dare servizi adeguati, a tal proposito ci attiveremo per implementare un Ufficio Europa che avrà la funzione di garantire la massima produzione di informazioni per i cittadini. L’ufficio, attraverso ricerca ed aggiornamento continui, dovrà essere in grado di fornire tutte le informazione circa le opportunità di finanziamento per iniziative imprenditoriali, attività di divulgazione, sensibilizzazione e formazione saranno costantemente ricercate per garantire la necessaria preparazione per la predisposizione dei progetti, le opportunità derivanti dai fondi europei ed in particolare dal PNRR rendono questo passaggio di fondamentale importanza”. L’obiettivo sarà quello di “promuovere tutte quelle iniziative che ci consentiranno di arrivare pronti all’appuntamento con la crescita del nostro territorio, tutti insieme in una sola direzione”.

Il programma è “snello, calibrato, realista ed allo stesso tempo ambizioso”. “Liberi da pregiudizi – rimarca ancora – l’impegno sarà quello di valorizzare quanto anche di buono fatto in questo periodo e di promuovere quelle iniziative che potranno portare ulteriore valore al nostro territorio ed alla nostra comunità. Il miglioramento dei servizi di base, la riqualificazione del centro storico, la valorizzazione delle tantissime risorse naturali a disposizione si inseriscono in più ampio quadro di sviluppo e crescita del settore turistico sulla nostra zona. Lavoreremo per integrare quanto già esistente in modo da poterci proporre in modo serio e competitivo sfruttando quella che per noi sta diventando una posizione strategica.

La crescita di una comunità passa anche e soprattutto attraverso la cura delle nuove generazioni: scuola, socialità e sport dovranno essere alla portata di tutti”.

“Sarà nostro compito – è un’ulteriore considerazione – creare le condizioni migliori possibili per lo sviluppo delle attività produttive presenti sul territorio comunale e la nascita di nuove; porremo grande attenzione sulle potenzialità della zona industriale in modo da stimolarne l’ulteriore crescita.

Il nostro territorio, caratterizzato da una forte componente agricola e forestale, necessita di attenzione su quella che è la viabilità interpoderale in modo da rendere più agevole l’accesso alle nostre aree rurali e favorire l’economia di questo settore. Promuoveremo momenti di incontro e di condivisione sulle varie possibilità esistenti, la possibilità di accedere a fondi comunitari, nazionali e regionali sarà favorita in modo da avvicinare le persone alle informazioni ed alle risorse disponibili, passaggio indispensabile per fare economia. Siamo convinti – conclude Versace – che lavorando insieme raggiungeremo grandi risultati, fare i conti col passato per guardare al futuro sarà la strada da seguire, coinvolgere, integrare: questi saranno i concetti che ci guideranno”.

Contenuti correlati