Elezioni regionali, spunta l’ipotesi della candidatura di Romano Loielo in una delle liste del centrodestra

Cominciano a moltiplicarsi le attività politiche in vista dei prossimi appuntamenti elettorali. Sebbene manchi un anno, forse meno, alla competizione regionale i movimenti dei diversi esponenti sono monitorati con attenzione e spuntano indiscrezioni su possibili candidature.
La voce più insistente vuole un posto in una delle liste del centrodestra per Romano Loielo, ex sindaco di Nardodipace, fresco di assoluzione/prescrizione rispetto alle accuse di affidamento sospetto del servizio di trasporto locale. Loielo, che non è stato candidato alle scorse amministrative, ha però partecipato attivamente alla formazione della lista “Uniti per Nardodipace” ed ha mostrato un approccio tutt’altro che disinteressato rispetto al mondo della politica.

Dopo l’esperienza del 2014 (con Wanda Ferro candidata alla Presidenza della Regione Calabria), il già primo cittadino – a dispetto delle prevedibili dichiarazioni secondo cui “la candidatura non è in previsione, anche se ricevo diversi inviti” – sarebbe pronto a scendere nuovamente in campo alle elezioni regionali.
Loielo sarebbe inoltre libero da vincoli di incandidabilità essendo da considerarsi nel computo dei turni da saltare, per effetto della pronuncia della Prima Sezione della Corte di Cassazione risalente all’estate del 2017, proprio le elezioni regionali del 2014 (il Consiglio comunale di Nardodipace fu sciolto per infiltrazioni mafiose nel dicembre 2011 la prima volta e sul finire del 2015 la seconda).
Il lasso temporale che separa la fase attuale dal momento dell’effettiva chiamata alle urne lascia presumere equilibri ancora da raggiungere a livello di rappresentanza territoriale nelle liste, ma l’opzione Loielo fa gola ai partiti in cerca di consenso nelle zone montane del Vibonese. Ecco perché l’ipotesi Loielo è considerata credibile dai residenti dell’entroterra.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento