Elezioni regionali, Salvini per l’unità del centrodestra: “Il candidato lo sceglie Forza Italia”

Fine delle pretese e delle polemiche. O almeno così sembra. Matteo Salvini arriva a Zambrone (dopo la pausa gelato a Pizzo Calabro)  per gli Stati Generali della Lega e fa il punto della situazione sulle elezioni regionali eliminando buona parte delle discussioni che si sono sviluppate a seguito delle ultime dichiarazioni dei suoi “consoli”.

Salvini ha premesso che “i nomi vengono dopo” un ragionamento più generale e che “l’indicazione spetta a Forza Italia” esprimendo l’intenzione di tornare in Calabria perché “questa terra deve essere l’immagine della ripartenza dell’Italia nel mondo”.

“Sono orgoglioso del lavoro che la squadra della Lega sta facendo in Calabria – ha affermato il leader del Carroccio – ma proprio in quanto squadra è giusto ragionare da tale; ho proposto una federazione dove si valorizzino le identità e si mettano insieme i valori comuni perché il mio avversario non è in casa ma è la sinistra, la sinistra delle tasse, a Reggio Calabria come a Roma, come a Milano. Ragioneremo intorno ad un tavolo”.

Dunque, via screzi, si punta sulla compattezza. Non senza però specificare che

“orgoglioso del lavoro svolto da Nino Spirlì e da tutte le nostre donne e i nostri uomini in Calabria”.

Quindi, la precisazione finale: “da ottobre – ha aggiunto – partirà una stagione nuova e ovviamente tutti avremmo molto volentieri evitato di tornare alle elezioni però penso che le divisioni che ci sono a sinistra sono un ulteriore riprova che non c’è voglia né capacità di governare. Ad ogni modo, a breve ci sarà la scelta del candidato alla presidenza della Regione”.

Contenuti correlati