Elezioni Regionali, l’ottimismo di Fratelli d’Italia: “Troveremo un nome di qualità”

"Lotta alla 'ndrangheta e trasparenza amministrativa rimarranno centrali nel programma"

“Sono convinto che in Calabria troveremo un nome di qualità: concorderemo un programma che punta molto sull’infrastrutturazione della regione, che è il suo vero limite, per agganciarla al resto d’Italia e puntare sullo sviluppo, sul lavoro, sulla sicurezza”.

Il questore della Camera Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli d’Italia e Commissario provinciale del partito a Reggio Calabria, è ottimista in vista delle prossime Regionali. “La lotta alla ‘ndrangheta e la trasparenza amministrativa rimarranno centrali nel programma, soprattutto per quanto riguarda Fratelli d’ Italia”, annuncia Cirielli che si dice convinto che la regione darà “una risposta al governo del PD e alla inesistenza territoriale e alla vacuità del Governo dei Cinque Stelle, che non ha fatto nulla per la Calabria”. A chi gli chiede cosa pensi di un’eventuale discesa in campo di Nicola Irto, forse per i renziani, Cirielli spiega che: “Si fanno tanti nomi. Bisogna vedere se Cinque Stelle e PD andranno insieme ad ‘Italia viva’. E’ difficile dare una valutazione finale su quello che faranno, ma il dato di fondo è che “Sono convinto che” in Calabria “troveremo un nome di qualita’: concorderemo un programma che punta molto sull’ infrastrutturazione della regione, che e’ il suo vero limite, per agganciarla al resto d’Italia e puntare sullo sviluppo, sul lavoro, sulla sicurezza”. Il questore della Camera Edmondo Cirielli, deputato di Fdi e commissario provinciale del partito a Reggio Calabria, è ottimista in vista delle prossime regionali. “La lotta alla ‘ndrangheta e la trasparenza amministrativa rimarranno centrali nel programma, soprattutto per quanto riguarda Fratelli d’ Italia”, annuncia Cirielli che si dice convinto che la regione darà “una risposta al governo del PD e alla inesistenza territoriale e alla vacuità del governo dei Cinque Stelle, che non ha fatto nulla per la Calabria”. A chi gli chiede cosa pensi di un’eventuale discesa in campo di Nicola Irto, forse per i renziani, Cirielli spiega che “si fanno tanti nomi. Bisogna vedere se Cinque Stelle e Pd andranno insieme ad Italia viva. E’ difficile dare una valutazione finale su quello che faranno, ma il dato di fondo e’ che il centrosinistra governa da tanti anni la Calabria in maniera disastrosa. I Cinquestelle in un anno e mezzo di governo hanno avuto il ministro dell’ infrastrutture e non hanno fatto una sola opera nuova, e non hanno neanche riaperto cantieri chiusi gia’ finanziati. Un’incapacita’ totale. Noi siamo dell’opinione che dovremo dare lavoro ai giovani calabresi e non un reddito di cittadinanza, che non premia il merito e l’impegno” . I Cinquestelle in un anno e mezzo di Governo hanno avuto il ministro delle Infrastrutture e non hanno fatto una sola opera nuova, e non hanno neanche riaperto cantieri chiusi già finanziati. Un’incapacità totale. Noi siamo dell’opinione che dovremo dare lavoro ai giovani calabresi e non un reddito di cittadinanza, che non premia il merito e l’impegno”

Contenuti correlati