Elezioni regionali, le Preserre alzano la voce: “C’è una cernita sbagliata, il centrosinistra gioca a perdere”

Spirano venti di tempesta nel centrosinistra. Monta, infatti, l’insoddisfazione di coloro i quali non si riconoscono nelle scelte degli ultimi giorni e sono pronti a farlo notare a gran voce. 

“Si sta effettuando – sostiene il portavoce del gruppo del centrosinistra delle Preserre vibonesi Raffaele Scaturchio – una cernita sbagliata, si sta proseguendo su una strada che aggiunge sconfitte alle sconfitte. Non si capisce perché in questa parte del campo non si accetta nessuno e dall’altra parte, invece, si include. Forse il centrosinistra gioca a perdere ed è difficile comprenderne il motivo. In particolare, non è chiaro perché Pippo Callipo accetti di essere sconfitto a causa di una posizione precostituita del Pd. Forse si punta a salvaguardare le possibilità di elezione di qualcuno”. La riflessione viene allargata e si riallaccia ad alcuni vizi che hanno condizionato il passato recente e quello remoto. “La coalizione – aggiunge il sindaco di Dasà a nome del gruppo – non ragiona sulla possibilità di qualificare la proposta politica. Anzi, continuano a prevalere i veti incrociati ed i personalismi che conducono ad un’unica strada: quella della bocciatura popolare. Così il destino è segnato”.

Contenuti correlati