Elezioni Regionali. Giochi (quasi) chiusi nelle liste del centrodestra reggino

Il centrodestra calabrese è ormai prossimo a giungere a sintesi dopo mesi di trattative con i vari candidati papabili e si avvicina con fare baldanzoso alla data ultima per presentare le liste da offrire all’elettorato calabrese che si recherà alle urne il 3 e 4 ottobre.

La compagine capeggiata dal parlamentare cosentino Roberto Occhiuto, nella Circoscrizione Sud, quella che interessa Reggio Calabria e la sua provincia, ha tutta l’intenzione di mostrare i muscoli. Forza Italia ai blocchi di partenza di almeno quattro carri armati, elettoralmente parlando: dal presidente del Consiglio Regionale Giovanni Arruzzolo all’uscente Domenico Giannetta, medico e già sindaco di Oppido Mamertina; dall’imprenditore di Palmi Giuseppe Mattiani, che lo scorso anno pur avendo raccolto 7728 preferenze con la lista “Jole Santelli Presidente”, rimase fuori, a Giuseppe Pedà, anch’egli imprenditore, con un passato recente nell’aula del Consiglio regionale ed ex sindaco di Gioia Tauro. Fratelli d’Italia, da parte sua, schiererà l’avvocato Monica Falcomatà, eletta consigliere comunale nella città capoluogo nel 2007 e riconfermata tre anni più tardi quando le furono attribuite le deleghe a Turismo, Cultura e Grandi Eventi, prima di andare a rivestire il ruolo di vicepresidente della Commissione Regionale Pari Opportunità; Giovanni Calabrese, sindaco di Locri; il sociologo Antonio Marziale, l’ondivago Giuseppe Neri, assessore provinciale a Reggio Calabria e consigliere regionale con il centrosinistra prima di subire la fascinazione di Raffaele Fitto in braccio al quale è finito dritto dritto fra le braccia di Giorgia Meloni; l’avvocato Giovanna Cusumano, che nel 2019 aveva aderito a Forza Italia. Nella Lega pressoché sicure risultano e presenze in lista di Stefano Princi, di Giuseppe Pirrotta e di Tilde Minasi, anche adesso tra i banchi della massima Assemblea legislativa calabrese; la neonata Coraggio Italia, invece, nella Circoscrizione meridionale punta tutto sull’avvocato Pasquale Imbalzano, nella scorsa consiliatura a Palazzo San Giorgio; sul sindaco di Varapodio, Orlando Fazzolari; su Sebastiano Primerano, vice coordinatore provinciale e su Giuseppe Sergi. Della lista “Forza Azzurri”, approntata per l’occasione con l’obiettivo di liberare spazio ulteriore per altri rastrellatori del voto, faranno parte verosimilmente Pierpaolo Zavettieri, Primo Cittadino di Roghudi; Giacomo Crinò, Nino Gullì, Giovanni Verduci, sindaco di Motta San Giovanni, Salvatore Cirillo. Anche Noi con l’Italia e UDC, per mano di Nino Foti e Paolo Arillotta, sono impegnati nella costruzione di qualcosa che possa dare maggiore sostanza al fronte moderato del centrodestra, netto favorito alla vigilia di una consultazione alla quale il centrosinistra arriva pesantemente acciaccato e minacciato dall’unione arrembante di Luigi De Magistris e da quella minacciosa, seppur ridotta, di Mario Oliverio.

Contenuti correlati