Elezioni provinciali di Catanzaro, Ciambrone: “Ecco perché non mi sono candidato”

Luigi Ciambrone (Pensiero Libero)

“Ora che le liste per le elezioni provinciali di Catanzaro sono presentate, posso esprimere pubblicamente un mio personale pensiero e spiegare velocemente a tutti, dato che molti si aspettavano la mia candidatura, perché il mio nome non è presente nella lista a sostegno di Ernesto Alecci”. A fare chiarezza è il consigliere comunale del gruppo “Pensiero Libero”, Luigi Ciambrone.

“Da sempre – precisa il consigliere di Caraffa – ho ribadito con forza e grande eticità, la necessità di utilizzare l’esperienza provinciale quale banco di prova per la costruzione di un qualificato e lungimirante progetto politico capace di aggregare le forze politiche del centro sinistra con le esperienze del civismo, dell’associazionismo e del cattolicesimo progressista presenti nel territorio catanzarese”.
Un progetto che “avrebbe dovuto avere l’ambizione di caratterizzare la proposta politica del prossimo futuro non solo nell’area centrale, ma sull’intero territorio calabrese”.
“Purtroppo – rileva Ciambrone – nel corso delle settimane, ho ed abbiamo assistito a tatticismi e meccanismi politici hai quali né io e né il partito all’interno del quale milito, Art. 1 – MdP, abbiamo voluto prendere parte, anzi, abbiamo da subito ribadito che non era più tempo dei tatticismi e degli specchi per allodole buoni soltanto a portare acqua al mulino dei soliti singoli noti. Occorreva dimostrare che il primato della buona politica non poteva più essere sacrificato sull’altare degli interessi egoistici di pochi”.
“Così (forse) – aggiunge – non è stato, e di conseguenza è venuta man mano a concretizzarsi la mia e nostra decisione di non candidarmi e di non presentare alcuna candidatura.
Ad Ernesto Alecci, valido e apprezzato sindaco alla guida di una realtà territoriale complessa come Soverato – è la conclusione – va sicuramente il nostro personale in bocca a lupo, alle varie anime del civismo e del centro sinistra catanzarese, l’augurio di una buona affermazione con l’auspicio che nel prossimo futuro si possa realizzare quel progetto di più ampio respiro tanto caro a noi gente di sinistra”.

Contenuti correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*