Elezioni comunali, si presenta “Uniti per Serra”. Procopio: “C’è armonia, le forze positive devono collaborare per lo sviluppo”

Raggiungere la pacificazione politico-sociale e potenziare la sinergia di modo da produrre effetti benefici per tutta la comunità. È questo il concetto chiave sviluppato durante la conferenza stampa di presentazione della lista “Uniti per Serra”, che avrà come simbolo l’equilibrio ottenuto (un omino verde) dal dialogo fra esperienze diverse (un omino rosso e uno blu). Della squadra, oltre al candidato a sindaco Antonio Procopio, faranno parte Luigi Tassone, Jlenia Tucci, Vincenzo Damiani, Gregorio De Caria, Francesco Zaffino, Rosa Vellone, Adele La Rizza, Giuseppe De Raffele, Rosanna Lo Iacono, Raffaele Tassone, Maria Rosaria Franzè e Nensy Rachiele.

Ad aprire l’iniziativa, svoltasi secondo le previsioni della normativa anti-Covid, è stato l’ex sindaco Luigi Tassone che ha rimarcato con orgoglio che “siamo la prima lista ad essere ufficializzata per intero”. Una lista “rinnovata, ma in continuità con l’Amministrazione uscente” che “rispetta la parità di genere (6 uomini e 6 donne)” e che nasce dalla “sintonia fra gli ex gruppi di ‘La Serra rinasce’ e ‘In alto volare’”, che è “civica” e che “vede esponenti del centrosinistra e del centrodestra uniti per il bene della nostra comunità”. “Metà dei candidati – ha affermato Tassone – hanno esperienze amministrative alle spalle. Procopio è già stato assessore in precedenti amministrazioni, darà un grande contributo e porterà freschezza. A differenza delle altre che cercano ancora candidati, la nostra lista era pronta da tempo. Siamo la lista più forte, abbiamo un programma quasi completo. Abbiamo incontrato molte categorie produttive e sociali nel rispetto delle disposizioni anti-contagio e altri incontri avranno luogo nei prossimi giorni. Ringrazio, inoltre, Bruno Censore e Nazzareno Salerno. Rispetto alle altre liste – ha insistito – che sono accomunate dall’odio, noi abbiamo un progetto e idee chiare. Questa squadra lavorerà nella legalità e per dare lustro a Serra San Bruno. Percepiamo la vittoria nell’aria”.

L’ex vicesindaco Jlenia Tucci ha ripercorso le tappe del cammino politico specificando che “con il nostro ingresso nell’Amministrazione, c’è stato un nuovo modo di fare ed un cambio di passo. Abbiamo lavorato in perfetta sinergia e abbiamo abbattuto ogni barriera e ogni divisione. Abbiamo cercato – ha aggiunto – di dare fiducia agli uffici e alla comunità, abbiamo individuato un candidato a sindaco capace di sancire questa unione. Con lui, proseguirà il metodo del fare”.

Di “unione e non fusione” fra due movimenti ha parlato l’aspirante primo cittadino Antonio Procopio che ha poi motivato la scelta di scendere in campo: “lo faccio perché ci tengo al mio paese e perché sento armonia e serenità in questo gruppo”.

Del tutto inaspettata una poco prudente, dal punto di vista strategico, uscita dal sapore politico: “trovo nel centrosinistra il mio campo d’azione politico”. Poi, dopo qualche passaggio sulla sua attività da assessore nel primo decennio del millennio, il ritorno all’aspetto socio-amministrativo: “tutte le forze positive del paese devono condividere un progetto per guidare il processo di sviluppo”.

Procopio ha operato qualche accenno al programma sostenendo di puntare “sulla ripresa del centro storico anche con diverse forme di agevolazione” e sulla “valorizzazione del Kursaal, che non può rimanere abbandonato”, sul “rilancio del turismo, attraverso i percorsi sella salute”, sul rafforzamento del settore sociale partendo da “una mappatura delle persone che hanno bisogno”. “Massima attenzione”, infine, è stata promessa nei confronti dello sport e del mondo della scuola.

Contenuti correlati