Droga e armi: l’attività della Polizia sul territorio ha portato a denunce e ritiri

La Polizia di Stato di Vibo Valentia, ed in particolare personale della Squadra Mobile, ha portato a termine un’attività sul territorio che si è conclusa con 2 persone denunciate, un’altra segnalata al Prefetto ed il ritiro di 2 pistole ed un fucile.


Nei giorni scorsi, una pattuglia della Squadra Mobile ha intercettato un’autovettura i cui occupanti, per il loro modo di procedere alla guida e per la circospezione con la quale si guardavano intorno, hanno attirato l’attenzione dei poliziotti. Questi, pertanto, hanno deciso di procedere ad un controllo intimando l’Alt. Per tutta risposta, il conducente dell’utilitaria, ignoratolo, ha accelerato dando inizio ad un inseguimento per le vie della città di Vibo Valentia, durante il quale, in prossimità di una curva, i due a bordo si sono liberati di qualcosa dal finestrino, proseguendo nella fuga. Dopo non poche difficoltà, gli stessi sono stati bloccati da personale della Squadra Mobile che è riuscito anche a recuperare quanto pochi istanti prima era stato gettato dal finestrino e risultato essere alcuni involucri di marijuana. Così, dopo la completa identificazione dei due individui, sono stati denunciati a piede libero per il reato di detenzione di droga ai fini di spaccio.
Durante un altro intervento, un diverso equipaggio della Squadra Mobile ha fermato e controllato un soggetto appiedato che si aggirava nei pressi di una piazzetta del luogo, abituale ritrovo di ragazzi. L’immediata perquisizione a consentito di rinvenire indosso all’individuo una pietra di colore marrone che è risultata corrispondere a circa 10 grammi di hashish. Quindi, all’esito degli accertamenti, è stato sanzionato e segnalato al Prefetto per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti.
Infine, lo scorso fine settimana personale della Squadra Mobile e della Squadra Volante ha effettuato un intervento congiunto presso l’abitazione di un individuo affetto da diversi problemi di natura comportamentale. Più approfonditi accertamenti hanno consentito di verificare che la famiglia di appartenenze aveva nella disponibilità delle armi che erano rimaste in casa a seguito della morte dell’anziano padre. Pertanto, al fine di evitare che di esse si fosse potuto fare un uso distorto, per ragioni di Ordine e di Sicurezza pubblica nonché di Pubblica incolumità, i poliziotti hanno provveduto al ritiro cautelativo di 2 pistole e di un fucile.

Contenuti correlati