Dpcm, Mangialavori: “Spedizione punitiva contro Calabria”

“Chiusa e commissariata: la Calabria sembra vittima di una ingiustificata spedizione punitiva”.

Lo afferma il senatore di Forza Italia Giuseppe Mangialavori. 

“Nel giro di 24 ore – spiega il parlamentare –, il Governo, inspiegabilmente, ha deciso di dichiarare zona rossa la Calabria e di rinnovare, malgrado i risultati disastrosi degli ultimi anni, il commissariamento della sua sanità. Sono decisioni che puniscono oltremodo una regione in cui i dati sulla epidemia da Coronavirus sono relativamente contenuti e il cui sistema sanitario è stato affossato proprio da quel regime speciale che Conte e i suoi ministri hanno deciso di prorogare”.

“Siamo, insomma, al teatro dell’assurdo: la Calabria, secondo il Ministero della Salute e gli esperti dell’Iss, è nelle stesse condizioni di Lombardia e Piemonte, cioè i territori in cui il Covid ha morso di più in tutti questi mesi. Eppure – dice ancora il senatore azzurro –, i dati sulla copertura dei posti letto nei reparti di Malattie infettive e in quelli di Terapia intensiva ci dicono che la Calabria è, per fortuna, ancora lontana dal punto di non ritorno. E allora, viene da chiedersi, perché il territorio tra lo Jonio e il Tirreno è stato dichiarato zona rossa? Allo stesso tempo, un’altra domanda reclama una risposta: perché il Governo reitera gli stessi errori del passato, di fatto allungando la vita a un commissariamento che, in soli 10 anni, ha dato il suo apporto decisivo per la distruzione del servizio sanitario regionale?”.

“Non sono abituato a pensar male, ma è forte il sospetto – conclude Mangialavori – che tutte queste mosse coordinate e concentriche possano far parte di una più vasta strategia politica che non ha niente a che fare con la necessità di contrastare la pandemia o con il diritto alla salute dei calabresi”.

Contenuti correlati